Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login


La Storia del Forum

Cap: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17




Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione 
Pagina 1 di 1
 
 
Il Contadino Caduto In Miseria
Autore Messaggio
Rispondi Citando   Download Messaggio 
Messaggio Il Contadino Caduto In Miseria 
 
krilov_1356467209_138058


Il Contadino caduto in miseria (Giovan Battista Niccolini)



Allor che lunghe, oscure
Notti l’autunno adduce,
Potette un ladro, e lesto assai di mano,
Penetrar nella casa d’un villano.

Giunto là, dove all’appartata cella
La volta, i muri, e il pavimento ingombrano
I rustici tesori,
Che il buon cuor raccolse
Con sudore infinito
Fece sì ben che vi lasciò pulito.

Id est tutto rubò: chi di danaro
Lascia allo scrigno, onde lo tolse, un resto,
Starei quasi per dirla, è un ladro onesto:
Grado merita, e titol d’Eccellenza;
Ma questo ladro non avea coscienza.

Ricco andò al letto il nostro contadino,
Ma spogliollo sì ben quel manigoldo,
Che sveglio si trovò senza un quattrino;
Nè al misero rimane
Che andar d’attorno a dimandar del pane.

Se avvien che in tanta povertade io resti
Deh! fa, padre del ciel, ch’io non mi desti!
Il misero villano
Si lagna e si tapina;
E la gente vicina
Tutta a sè tragge: ei d’amici e parenti
Qual di sventura in tempo e di periglio
Tosto raguna universal consiglio.

Chi mi soccorre, ei disse,
Nella miseria in ch’io caduto sono?
Allor ciascuno a disputar si diede
Con sì gravi maniere,
Che il senno dimostràr d’un consigliere.

Il compar Figiovanni
Dicea: signor sapiente
Non si vantan ricchezze impunemente.
E Filipetro a lui: caro fratello,
Non altro a dir n’avanza
Che costruir conviene un’altra volta
Più vicina la stanza
Ove stà la raccolta.

Ecco l’avviso mio, Nencio, tacete
Allor gridò: che chiacchiere indiscrete!
Per me non trovo male
Che sia lungi il granajo;
Tenga un can da pagliajo,
Buona guardia e mordace.

E il nostro amico d’ajutar mi piace.
La mia cagna fedele
Ha partorito: un suo figliuolo a scelta
Si tolga: a lui con tutto il cuor lo dono.
Volentier me ne privo: ho per costume
Dei parti suoi farne un regalo al fiume.....

In somma ognun gli espose
Il senno suo: di belli esempi un monte
Sulla casa arrecò, sul manigoldo;
Ma a dirla a voi, nessun gli offerse un soldo...

Così va il mondo: in povertà caduto
Trovi consigli, e nei consigli accusa,
Ma poi qual mano ai tuoi bisogni è schiusa?
Anche l’amico divien sordo e muto.

G.B. Niccolini


http://www.larici.it/culturadellest/letteratura/krylov/13.htm
 




____________
Per info urgenti: 392-6036655. Regolamento e contatti
I nostri social:
Gruppo uff. FB: www.facebook.com/groups/238976363105838
gruppo uff. VK: www.vk.com/club147775722
Twitter: Forum Russia-Italia
 
n4italia - ProfiloInvia Messaggio PrivatoHomePage 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:    
 

Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Pagina 1 di 1
 




 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files
Non puoi scaricare gli allegati
Puoi inserire eventi calendario