Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login


La Storia del Forum

Cap: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17




Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione 
Pagina 1 di 1
 
 
La Rondine E Il Prodigo
Autore Messaggio
Rispondi Citando   Download Messaggio 
Messaggio La Rondine E Il Prodigo 
 
krilov_1356281214_294848


La Rondine e il Prodigo (Antonio Mezzanotte)


Giovin Signor, da nobile
Ricca progenie uscito,
A dissipar si diè senza pietà
La pingue eredità,
Così che in breve terminò fallito.

Una pelliccia sol rimase a lui;
E fra gli averi sui
Questa serbato avea,
Tepido schermo all’ire d’aquilone,
Perchè il rigor del verno assai temea.
Ma, oh! caso inopinato!
Ecco una Rondin viene,
Ed ei con essa crede già tornato
Il tempo delle miti aure serene;
E in fretta ecco si spiccia
Ancor della pelliccia
(Che troppo omai lo grava)
Di quell’unico ben che a lui restava.

E chi non sà che riedono
Le rondini al venir del dolce aprile?
Quindi ormai sua pelliccia il Giovin prodigo
Inutile credè
E si dicea fra sè:

«Perchè degg’io ravvilupparmi in essa
«Or che ride la terra e ride il cielo,
«Mentre de’ fiori la stagion si appressa,
«E ci lascian le brine, e il duro gelo?
«Annunciatrice di stagion sì bella
«Ingannarmi non può la Rondinella.»

Così stolto Giovine
Sclamò, non male in fatto argomentando,
Ma goffamente errando
Intanto iva obbliando
Quella sentenza, antica sì, ma vera!
«L’arrivo d’una Rondine
«Non porta primavera».

Ed ecco in candidi
Fiocchi ricadono
Nevi crudeli;
Ecco si addensano
Di nuovo i geli;
Dei carri ascoltasi
Che sù vi passano
L’incomodo stridor:

Dai camini in aer sollevasi
Verticalmente
Il fumo, e rapido
Torbidamente
Annunzia che tornò l’aspro rigor.

Ve’ di ghiacci rabescato
Ogni lucido cristallo;
Insoffribile è il freddo, e omai ben sallo
Il nostro nobilissimo Insensato,
A cui sulle pupille
Chiama l’acuto gelo amare stille.

Giacersi al suolo esanime
Vede al suo piede innante
L’ingannatrice Rondine,
Ei pallido e tremante
A lei si volge, e con immensa pena
Può questi accenti balbettare appena:

«Infelice! Tu sei spenta,
«E di mia pelliccia privo
«Egro anch’io per te mal vivo
«Contro al verno crudel che mi tormenta.»

A. Mezzanotte

  
http://www.larici.it/culturadellest/letteratura/krylov/10.htm
 




____________
Per info urgenti: 392-6036655. Regolamento e contatti
I nostri social:
Gruppo uff. FB: www.facebook.com/groups/238976363105838
gruppo uff. VK: www.vk.com/club147775722
Twitter: Forum Russia-Italia
 
Ultima modifica di n4italia il 23 Dicembre 2012, 17:53, modificato 1 volta in totale 
n4italia - ProfiloInvia Messaggio PrivatoHomePage 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:    
 

Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Pagina 1 di 1
 




 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files
Non puoi scaricare gli allegati
Puoi inserire eventi calendario