Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login


La Storia del Forum

Cap: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17




Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione 
Pagina 1 di 1
 
 
Morto Shimon Peres
Autore Messaggio
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Morto Shimon Peres 
 
Nella scorsa nottata è morto il leader Shimon Peres che ne pensate di questo uomo di grande spessore? A voi una nuova interessante discussione da affrontare....buona discussione a tutti...

Fonte: http://www.giornalettismo.com/archi...on-peres-morto/
 




____________
Amo viaggiare fino a conoscere la cultura di un popolo

Il mio viaggio in India: http://www.iviaggidikiara.it

"La felicità è come una farfalla: se l'insegui non riesci mai a prenderla,
ma se ti metti tranquillo può anche posarsi su di te."

Nathaniel Hawthorne
 
Butterfly77 - ProfiloInvia Messaggio PrivatoHomePage 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Morto Shimon Peres 
 
ma chi, il macellaio di qana?
i peggiori criminali vivono sempre troppo a lungo. A detta del giornalista israeliano Gideon Levy di Haaretz "nessun israeliano è più responsabile degli insediamenti e dell 'occupazione".
 



 
shalom - ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Morto Shimon Peres 
 
shalom ha scritto: [Visualizza Messaggio]
ma chi, il macellaio di qana?
i peggiori criminali vivono sempre troppo a lungo. A detta del giornalista israeliano Gideon Levy di Haaretz "nessun israeliano è più responsabile degli insediamenti e dell 'occupazione".


hai ragione  
 



 
Kot 78 - ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Morto Shimon Peres 
 
shalom ha scritto: [Visualizza Messaggio]
ma chi, il macellaio di qana?
i peggiori criminali vivono sempre troppo a lungo. A detta del giornalista israeliano Gideon Levy di Haaretz "nessun israeliano è più responsabile degli insediamenti e dell 'occupazione".


esatto, 1996
 




____________
OMNIA SUNT COMMUNIA
http://www.wumingfoundation.com/
 
assodipicche - ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Morto Shimon Peres 
 
ha preso anche il nobel per la pace    
 




____________
le mie foto della russia e non solo su panoramio

********************************************************
 
icipo76 - ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Morto Shimon Peres 
 
A me Peres e' sempre piaciuto. E mi ha sempre espresso fiducia, quasi fosse un nonno politico.

Fedeli sempre all'idea: << Se ami la Pace, devi preparare la guerra >>.

Sui massacri di civili, riporto un pezzo che ho scirtto su Otra riguardo alla guerra siriana:




Il bombardamento mediatico non e' una cosa nuova. Episodi simili li abbiamo visti in questi cinque anni ( o in altri conflitti ).
A turno Usa o Russia o chiunque ci lavorano sopra per "sputtanare" l'altro...e' un po' il gridare al lupo al lupo: << stai sparando sulla crocerossa!! >>.
Un copione trito e ritrito per fare pressione mediatica internazionale sull'altro e metterlo in difficolta', sfruttando l'opinione pubblica di molti che ancra credono che le guerre siano operazioni chirurgiche facilmente controllabili fatte da professionisti. Evidentemente non hanno ben chiaro che cosa sia il caos campale di una guerra, specie come questa siriana con mille fazioni sparpagliate, dove si fatica ad individuare amici o nemici a causa anche dell fronte frastagliato, dellirregolarita' di molti combattenti, ecc. ecc.

Un convoglio di vettovaglie puo' essere colpito per sbaglio tranquillamente, o essere bersaglio di proposito, essendo nell'interesse della fazione avversa di non far arrivare vettovaglie ed alimenti all'esercito avversario in semistadio di assedio. I civili ovvio vengono presi in mezzo. Sarebbe compito di chi controlla la zona-sacca farli evacuare, ovvio col benestare degli attaccanti.
 




____________
http://www.viaggiatorindipendenti.it/forum/
 
Maxdivi - ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Morto Shimon Peres 
 
Io che ho aperto la discussione sposo le due risposte una di Maxdivi dicendo che è "nonno politico" e quella di Icipo quando ha detto che ha vinto il premio Nobel per la Pace.....comunque ognuno di noi è libera di vederla dalla sua ottica.....
 




____________
Amo viaggiare fino a conoscere la cultura di un popolo

Il mio viaggio in India: http://www.iviaggidikiara.it

"La felicità è come una farfalla: se l'insegui non riesci mai a prenderla,
ma se ti metti tranquillo può anche posarsi su di te."

Nathaniel Hawthorne
 
Butterfly77 - ProfiloInvia Messaggio PrivatoHomePage 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Morto Shimon Peres 
 
Maxdivi ha scritto: [Visualizza Messaggio]
A me Peres e' sempre piaciuto. E mi ha sempre espresso fiducia, quasi fosse un nonno politico.

Fedeli sempre all'idea: << Se ami la Pace, devi preparare la guerra >>.

Sui massacri di civili, riporto un pezzo che ho scirtto su Otra riguardo alla guerra siriana:




Il bombardamento mediatico non e' una cosa nuova. Episodi simili li abbiamo visti in questi cinque anni ( o in altri conflitti ).
A turno Usa o Russia o chiunque ci lavorano sopra per "sputtanare" l'altro...e' un po' il gridare al lupo al lupo: << stai sparando sulla crocerossa!! >>.
Un copione trito e ritrito per fare pressione mediatica internazionale sull'altro e metterlo in difficolta', sfruttando l'opinione pubblica di molti che ancra credono che le guerre siano operazioni chirurgiche facilmente controllabili fatte da professionisti. Evidentemente non hanno ben chiaro che cosa sia il caos campale di una guerra, specie come questa siriana con mille fazioni sparpagliate, dove si fatica ad individuare amici o nemici a causa anche dell fronte frastagliato, dellirregolarita' di molti combattenti, ecc. ecc.

Un convoglio di vettovaglie puo' essere colpito per sbaglio tranquillamente, o essere bersaglio di proposito, essendo nell'interesse della fazione avversa di non far arrivare vettovaglie ed alimenti all'esercito avversario in semistadio di assedio. I civili ovvio vengono presi in mezzo. Sarebbe compito di chi controlla la zona-sacca farli evacuare, ovvio col benestare degli attaccanti.


se per la sira il tuo discorso può avere una logica, per Cana nel 1996 no
 




____________
OMNIA SUNT COMMUNIA
http://www.wumingfoundation.com/
 
assodipicche - ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Morto Shimon Peres 
 
assodipicche ha scritto: [Visualizza Messaggio]

se per la sira il tuo discorso può avere una logica, per Cana nel 1996 no


Non vedo differenza in qualunque teatro.

Esempio:

Da Bolzano partono missili su Innsbruck, colpendo uffici, scuole, ospedali in via indiscriminata. L'Austria per risposta rilancia missili e bombarda Bolzano colpendo le installazioni missilistiche italiane in prossimita' del'abitato o nell'abitato stesso.

Innsbruck e' abitata da civili. E' una citta' normale. Colpita senza preavviso muoiono dei civili austriaci. Bambini, vecchi compresi.

Bolzano analogamente e' abitata da civili. E' una citta' normale. Se gli altoatesini in previsione della controffensiva austiraca non hanno fatto evacuare la citta' inevitabilmente civili cadranno nella risposta austriaca.

I rifugi antiaerei per essere dei rifugi per civili non possono essere dei normali condomini, sono bunker sottoterra ( vedasi la metro di Mosca come esempio capillare ).

Quindi o evacui o crei rifugi se vuoi fare una guerra ( Hezbollah fa le guerre continuamente, nasce come gruppo paramilitare, oggi e' presente anche in Siria ).

Tenendo presente che nessuna nazione-fazione, composta da umani , porgera' mai l'altra guancia quando subisce un colpo. Se ha la capacita' di rispondere al colpo subito ( ed Israele ha questa capacita': << Se ami la pace, prepara la guerra >> ) puntualmente rispondera' e se puo' risponde pure con gli interessi, affinche' la prossima volta pirma di attaccare ci pensi due volte.

Hezbollah lancio' su Israele, nel 1996, 639 razzi Katiuscia. Israele rispose con 25 mila bombe. E' la guerra, non un duello tra nobiluomini per la mano di una dama.
 




____________
http://www.viaggiatorindipendenti.it/forum/
 
Maxdivi - ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Morto Shimon Peres 
 
Condivido solo in parte, perchè a mio parere l'esempio di Bolzano non si applica molto bene al caso di Israele: questo paese, più che di "...para bellum", si occupa di "guerre preventive".

Queste guerre, con il mormorio di fondo dell'ONU, possono farle (e le hanno fatte) praticamente solo Israele e Stati Uniti su così larga scala.

Le ultime operazioni su Gaza ne sono la conferma: mentre i palestinesi sparavano i loro mortaretti e raudi contro i coloni, Israele spianava interi quartieri di Gaza con aviazione, carri armati e ruspe al seguito. A me sembra una guerra preventiva.
Ed il ritmo a cui sono proseguite le espansioni degli insediamenti dei coloni israeliani confermano la volontà di annientare la Palestina (altro caso unico nella storia), basta confrontare le mappe odierne con quelle di 20 o 30 anni fa.
Tra l'altro è interessante notare come, con poche sfumature diverse, il progetto di espansione israeliano a spese dello scomodo vicino abbia sempre messo d'accordo tutti i politici locali, dalla lontana epoca di Gurion fino a Sharon, Peres, Nethanyahu e Rabin (un altro politico che fece negli anni dichiarazioni estremiste allucinanti, ovviamente descritto dai nostri "giornalai" come una colomba )
 



 
Kot 78 - ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Morto Shimon Peres 
 
ma ancora a credere che israele bombardi obiettivi civili come asili, scuole, orfanotrofi, campi profughi, ospedali, ambulanze perchè da lì partono i missili?  
Israele prende di mira i civili perchè è così che fa fin dalla pulizia etnica del 1948 quando il polacco neo immigrato shimon peres era nell'organizzazione terroristica Haganah e insieme alle altre organizzazioni terroristiche sioniste Irgun e Banda Stern prendeva di mira la popolazione autoctona, donne, anziani e bambini, radendo al suolo interi villaggi dove di combattenti non ce n'era nemmeno l'ombra, come a Deir Yassin. Ma allora Peres era un "falco" si dirà, poi divenne colomba! Bene, da colomba, alla guida di israele, fu responsabile di uno dei più grandi crimini della storia moderna, "piombo fuso", operazione con la quale l'esercito israeliano bombardò a tappeto, usando anche armi al fosforo, civili inermi nel più grande campo di concentramento del mondo, Gaza, operazione definita crimine di guerra e contro l'umanità da professori di diritto internazionale come Francis Boyle, Richard Falk (ebreo), dall' ex giudice della corte penale internazionale Richard Goldstone (ebreo) e tanti altri. Quindi Peres era falco o colomba? Vediamo cosa scrive Gilad Atzmon (ebreo israeliano) a proposito dei falchi e delle colombe:

"Ci sono due principali correnti ideologiche nel movimento sionista: le colombe (quelli di sinistra) e i falchi (quelli di destra). Le colombe credono che gli ebrei abbiano il diritto a una patria nazionale a spese dei palestinesi. Storicamente, furono le colombe che fecero la pulizia etnica dell'85% della popolazione palestinese nel 1948. Una volta che le colombe erano riuscite a crear un ragionevole Lebensraum per il popolo ebraico, furono felici di "scendere a compromessi" con i palestinesi. Oslo è la materializzazione della filosofia delle colombe sioniste. Peres e Rabin sono andati dai palestinesi offrendo loro "generosamente" le seguenti umilianti condizioni: "Noi, gli israeliani, vivremo sulle terre e sulle case che voi vi siete lasciati indietro a Giaffa, Haifa, Gerusalemme, ecc. E voi, i palestinesi, resterete nei vostri campi profughi nel deserto oppure nella diaspora." Come si vede, le colombe sono sempre alla ricerca di una forma di compromesso. Il concetto di una soluzione basata su due stati è una classica tattica da colombe. Si accantona completamente la causa palestinese, cioè il diritto di ritorno. Chiaramente, le colombe preferiscono non vivere in mezzo agli arabi, preferiscono erigere un ghetto in stile europeo in Palestina. Per chi se lo fosse dimenticato, l'idea del muro dell'apartheid fu lanciata la prima volta da Haim Ramon, un'altra famosa colomba laburista.

La filosofia dei falchi è un po' diversa. Per i falchi, la terra stessa è importante. Si tratta della sacra "Eretz Yisrael" - la Terra d'Israele secondo la Bibbia - per cui lui o lei dovrebbe combattere. Il falco insiste sul redimere ogni pezzo di terra del "Grande Israele". Il falco non è disposto a compromessi. Il falco insiste che il diritto di Sion si fonda sulla Bibbia. Per il falco non esiste una vera differenza tra Tel Aviv, Gaza o il West Bank. Questo è il motivo preciso per cui il paradigma sionista dei falchi si è poi trasformato in quello che adesso chiamano il "sionismo messianico", il movimento dei coloni. A quanto pare, il falco di oggi preferirebbe obbedire a un rabbino piuttosto che a un politico laico. La logica del falco è semplice e coerente: se Eretz Yisrael è davvero un concetto divino, che se ne occupi una personalità messianica, piuttosto che un ebreo ateo."
 



 
shalom - ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Morto Shimon Peres 
 
Fulvio Grimaldi invece scrive:


"Simon Peres, sparisce un assassino di massa.
[...]
Per il bene dell’umanità è morto un masskiller, uno stragista di professione e, dunque, ministro, primo ministro e presidente dello Stato coloniale impiantato in Palestina e all’origine delle peggiori tragedie e dei crimini più infamanti della nostra epoca, oggi pianto come eroe e martire della pace dalla lobby israelo-internazionale e da un Occidente politico, militare, mediatico, terrorista, che ha eletto a modello lo Stato Canaglia più canaglia di tutti gli Stati Canaglia.
Il negazionismo, a volte perfettamente legittimo, a volte arbitrario, esoterico e funambolico, è comunque strumento di ricerca storica ineludibile, scientificamente e moralmente doveroso. Solo il negazionismo adoperato per disintegrare i cori di prefiche disoneste o assoldate, può restituirci la verità su un criminale di guerre e di pace come Simon Peres, cofondatore del Leviatano sionista. Peres non era uomo di pace, anche se tale s’è finto per un tratto, assieme al compare Rabin, per indurre l’opinione pubblica mondiale e perfino certi dirigenti palestinesi, a soggiacere alla gigantesca truffa di Oslo, dei due Stati, uno macigno, l’altro granello di sabbia, che ha aperto ai palestinesi le porte dell’inferno della colonizzazione e dello strisciante genocidio.

Terrorista polacco con la banda Haganah, sterminatore di bambini sefarditi, inconciliabili con la purezza della razza ashkenazita-kazara, promotore di tutte le guerre d’aggressione e di sterminio per la Grande Israele, creatore dell’Israele dominus e ricattatore nucleare di mezzo mondo, fuorilegge violatore di ogni risoluzione ONU, rapitore e carceriere di Mordechai Vanunu che aveva rivelato al mondo i misteri atomici di Dimona, invasore del Libano, responsabile del massacro di 102 donne e bambini nella sede ONU di Qana. Sostenitore dei ripetuti stermini di civili a Gaza. Un mostro. Di conseguenza Premio Nobel della Pace."

http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2...lolocausto.html
 



 
Ultima modifica di shalom il 30 Settembre 2016, 20:45, modificato 1 volta in totale 
shalom - ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Morto Shimon Peres 
 
Kot 78 ha scritto: [Visualizza Messaggio]

.

Le ultime operazioni su Gaza ne sono la conferma: mentre i palestinesi sparavano i loro mortaretti e raudi contro i coloni, Israele spianava interi quartieri di Gaza con aviazione, carri armati e ruspe al seguito. A me sembra una guerra preventiva.

Ed il ritmo a cui sono proseguite le espansioni degli insediamenti dei coloni israeliani confermano la volontà di annientare la Palestina (altro caso unico nella storia), basta confrontare le mappe odierne con quelle di 20 o 30 anni fa.
Tra l'altro è interessante notare come, con poche sfumature diverse, il progetto di espansione israeliano a spese dello scomodo vicino abbia sempre messo d'accordo tutti i politici locali, dalla lontana epoca di Gurion fino a Sharon, Peres, Nethanyahu e Rabin (un altro politico che fece negli anni dichiarazioni estremiste allucinanti, ovviamente descritto dai nostri "giornalai" come una colomba )


Non e' guerra preventiva, e' semplicemente la guerra. Anche quando nel neolitico si prendeva la clava per spaccare la testa alla tribu' vicina e soffiargli la caverna migliore, o il bottino di caccia.

Ripeto il concetto di fondo:

Tenendo presente che nessuna nazione-fazione, composta da umani , porgera' mai l'altra guancia quando subisce un colpo. Se ha la capacita' di rispondere al colpo subito ( ed Israele ha questa capacita': << Se ami la pace, prepara la guerra >> ) puntualmente rispondera' e se puo' risponde pure con gli interessi, affinche' la prossima volta pirma di attaccare ci pensi due volte.

Detta in soldoni..Homo Homini Lupus del buon Hobbes.

Trasposta la cosa e' medesima e specchiata. Oggi Hezbollah fa forse una guerra "rudimentale" ( sono libanesi non palestinesi ) rispetto all'organizzata e tecnologica ebraica.

Ieri nel 1948 era trasposto. Laganah faceva la guerra rudimentale contro quella organizzata degli eserciti arabi. E gli esercti arabi puntavano alla sconfitta del rivale.

Non c'e' vittima ne' carnefice. A turno ognuno diviene vittima e carnefice ( la banda Stern, la Legione Araba, ecc. ecc. ) .


Comunque secondo me si ha un concetto un po' semplificativo di Israele, e non mi soprende ( poiche' e' tipico in Italia ) che e' quello mutuato dalla Guerra Fredda radicato qui nell'antitesi Partito Comunista Italiano- Democrazia Cristiana, con l'identificazione di allineamento dei rispettivi militanti-simpatizzanti seguendo i dettami delle potenze ( Urss e Usa ) schierandosi gli uni a favore della causa palestinese-araba, gli altri a favore di quella ebraica.
Schieramenti non tanto di ideologia, piuttosto di convenienza politica internazionale della situazione dell'epoca.
Un'epoca ormai superata nel 2016.
 




____________
http://www.viaggiatorindipendenti.it/forum/
 
Maxdivi - ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Morto Shimon Peres 
 
quella secondo cui ai tempi delle organizzazioni paramilitari e terroristiche sioniste ebrei male armati eroicamente resistettero all'assalto di eserciti arabi ben addestrati ed equipaggiati, è una teoria senza alcun fondamento, un mito che i vari governi sionisti hanno creato col passare del tempo per giustificare la mattanza a danno della popolazione autoctona, per giustificare l'espulsione coatta di 750.000 palestinesi che lì vivevano da secoli e millenni, per giustificare la distruzione dei villaggi e l'esproprio della terra da parte degli immigrati ebrei europei che avevano appena invaso in massa la Palestina: un mito smentito perfino da numerosi storici ebrei ed ebrei israeliani. Magari leggersi qualcosa di serio in materia può essere di aiuto a chi avrà voglia di approfondire l'argomento e farsi un quadro chiaro e reale delle ragioni del conflitto e della situazione odierna. Per esempio leggersi "La pulizia etnica della Palestina" dello storico ebreo israeliano Ilan Pappe; oppure "The birth of Israel, myths and realities" dello storico ebreo israeliano Simcha Flapan; oppure "Storia ebraica e giudaismo: il peso di tre millenni" di Israel Shahak; o ancora le memorie di David Ben Gurion nelle quali scrisse: "Fino alla partenza degli inglesi il 15 maggio 1948 nessun insediamento ebraico, anche remoto, era stato attaccato o occupato dagli arabi, mentre l'Haganah [...] aveva conquistato molte posizioni arabe e liberato Tiberiade, Haifa, Jaffah e safad [...]. Così, nel giorno del destino, quella parte della Palestina dove l'Haganah poteva operare era quasi ripulita degli arabi".
Si scoprirà che già all'epoca i sionisti erano militarmente e tecnologicamente superiori ai palestinesi e agli arabi perchè riforniti, addestrati e protetti dalle superpotenze occidentali come la Gran Bretagna (che vedeva di buon occhio il "focolare ebraico" in Palestina, come scrisse nella famosa lettera il ministro degli esteri inglese Arthur Balfour a Lord Rothschild nel 1917), la Russia e dal 1948 in poi anche dagli Stati Uniti. I palestinesi erano disarmati e senza guida, in quanto dopo la grande rivolta gli inglesi espulsero tutti i loro leader, e gli altri eserciti arabi erano veramente mal messi, guidati da governi titubanti a causa del disfacimento dell'impero britannico, senza armi ed equipaggiamento, poco organizzati. Spacciare la propaganda sionista come verità del conflitto israelo-palestinese significa davvero non aver letto nulla di serio sull'argomento.
 



 
Ultima modifica di shalom il 01 Ottobre 2016, 15:36, modificato 1 volta in totale 
shalom - ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Morto Shimon Peres 
 
la questione è semplice: invasori europei con la connivenza dei governi occidentali hanno cacciato la popolazione autoctona in Palestina massacrandola e terrorizzandola, in quanto per questi invasori quella terra gli è stata promessa da Dio (ahò! lo dice il libro sacro, mica cazzi!); i politici europei si son subito dimostrati d'accordo, primo perchè i sionisti hanno un sacco di soldi e secondo perchè il popolo ebraico, di cui i sionisti si dichiarano salvatori e protettori, andava in qualche modo risarcito dopo la seconda guerra mondiale e dopo tutti i danni che loro, i politici occidentali, avevano combinato. E come risarcire il popolo ebraico? Semplice, regalando ai sionisti la terra di qualcun altro: quella dei palestinesi. A questi invasori quindi è stata concessa carta bianca per fare della Palestina e dei palestinesi ciò che vogliono, compreso tenere imprigionate in un campo di concentramento a cielo aperto quasi due milioni di persone, senza acqua, cibo o medicine, bombardando a tappeto ogni due o tre anni in modo da non permettergli di risollevarsi. Nel frattempo gli invasori continuano a distruggere le case e i villaggi della popolazione autoctona, requisendo terre e imprigionando chi capita a random, non importa se esso sia un combattente di hamas che lancia un missile o un ragazzino che si ribella contro l'occupazione lanciando pietre contro i soldati, se è un padre di famiglia che resiste a una perquisizione abusiva nel cuore della notte da parte dell'esercito invasore, o se è una donna che protesta per la distruzione della propria casa o del proprio campo. Il palestinese è un terrorista a prescindere e il sionista ha tutto il diritto di prendersi tutto ciò che vuole. Perchè per la massa che conosce la storia del conflitto, dato l'ha seguita ben bene in Tv, israele a volte esagera ma lo fa per difendersi, Peres è stato un buon politico che era costretto dai cattivoni palestinesi a preparare la guerra per volere la pace, e perchè in fondo la guerra è la guerra, quel che è stato è stato, scurdammoce o' passato, gli ebrei poverini hanno tanto sofferto e quindi volemose bbene..
 



 
Ultima modifica di shalom il 01 Ottobre 2016, 16:20, modificato 1 volta in totale 
shalom - ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:    
 

Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Pagina 1 di 1
 




 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files
Non puoi scaricare gli allegati
Puoi inserire eventi calendario