GRINGOX d'UCRAINA »  Mostra messaggi da    a     

Forum Russia - Italia


"Ugolok" degli Italiani delle terre russofone - GRINGOX d'UCRAINA



gringox [ 28 Marzo 2005, 21:07 ]
Oggetto: GRINGOX d'UCRAINA
Amici e' poco piu' di una settimana che mi trovo lontano dalla Patria ed in terra ucraina e pensavo di poter raccogliere in questo spazio una specie di resoconto, una sorta di "scritto" a meta' tra il diario, il reportage, l'iniseme di aneddoti, gli sfoghi, la cucina, le relazioni umane...insomma uno spazio dedicato al gringox d'ucraina e alla sua vita in questo paese che verra' dal gringox stesso girato e conosciuto a fondo.

Intanto, come premessa, ci terrei a darvi le mie coordinate telefoniche ucraine, cioe' il mio numero di cell. So che eticamente forumisticamente parlando, non sarebbe una cosa molto buona, ma lo voglio mrendere pubblico nella speranza che qualcuno di voi abbia tempo e voglia di farsi sentire...

gringox: + 3 8 0 / 6 7 2 3 9 8 7 3 6

Gringox


gringox [ 28 Marzo 2005, 21:24 ]
Oggetto: Re: GRINGOX d'UCRAINA
Domenica 20 Marzo 2005 si decolla...

L'amico Giuseppe (Mr. G.), insieme alla fedelissima gringax mi accompagnano a Malpensa e mi sostengono moralmente e fisicamente (dato il pesante ed ingombrante bagaglio che mi e' addirittura costato circa 300 euro di sovrappeso! - come ben descritto dal Giusy nel post "Passaggio importante"). Gli ultimi sguardi prima del controllo passaporti e poi via; in perfetto orario decollo alla volta di Budapest e poi Kiev.
All'arrivo a Borispol' (aeroporto di Kiev) mi aspetta il mio nuovo collega Oleg con sua moglie e l'Ucraina mi accoglie col suo residuo d'inverno: gelo, vento forte e neve... appena qualche ora prima Milano mi salutava con i suoi 15 gradi di prima mattina...e siamo al 20 Marzo!!!

Fortunatamente niente problemi di sdoganamento, niente storiacce coi bagagli...tutto andato liscio dal punto di vista burocratico.

Dopo un'oretta circa eccomi nel mio nuovo temporaneo appartamento. Una casetta tutta nuova, in stile italiano, che si trova proprio nel territorio degli uffici e comodissima quindi per il mio inserimento "immediato" nello spirito della mia nuova attivita' qui in Ucraina!

La prima sera la trascorro col mio amico webboss, Stefano e col mio nuovo boss italiano, Marco a casa di quest'ultimo con un perfetto "benvenuto" in stile locale a suon di "Perzovka"...il risultato finale ve l'ha poi raccontato il webboss...macchina sequestrata per guida sotto l'effetto dell'alcohol, hehehehe.

Ehh gia' amici, qui non si scherza propio. Ti beccano praticamente sempre.
Addirittura mi e' capitato mercoledi' di andare fuori coi ragazzi qui al ristorante e poi in un klub fico di Kiev e di darci dentro ben benino con l'amichetta spensierata vodka e poi, all'uscita, l'amico che doveva stare al volante, consapevole del pericolo, ha chiesto ad un taxista di portarci a casa con la macchina del mio amico, gli ha dato le chiavi e il taxista ci ha portato tutti a casa. Poi ha chiamato il "suo" taxi e si e' fatto venire a prendere...roba da russi!!

gringox


gringox [ 28 Marzo 2005, 21:40 ]
Oggetto: Re: GRINGOX d'UCRAINA
La prima settimana vola nel piu' totale delirio tra la Fiera e qualche puntatina estemporanea per la citta' per questioni burocratiche legate al lavoro (non ancora le mie, che sistemero' questa settimana) e granddi cene e bevute con conseguente stanchezza e stress fisico e mentale non indifferente.

C'e' troppa gnocca! Ne ero conscio gia' da prima , avendo gia' una certa esperienza di queste zone! E, devo pure ammettere che, sara' forse per la tensione legata al lavoro o perche' sto invecchiando, heheheheh, che comunque non mi fa piu' l'effetto di una volta... Anche se tutte quelle cosce perfette, quelle minigonne esagerate o quei pantaloni stretti che evidenziano le forme piu' armoniche che la natura abbia mai generato e quelle magliettine aderenti ricoperte da folte chiome dorate o nere che rivestono visi deliziosi...lasciano il loro segno!
da tempo non andavo in discoteca e mercoledi' sono uscito con il mal di testa e il torcicollo!!! Di cessi c'erano solo quelli con i simbolini all'entata "uomini" e "donne"!!!

Va beh, a parte tutto mi sono subito imbattuto nelle difficolta' lavorative che in una fiera, per uno nuovo come me nel settore, emergono in tutta la loro veemenza e oncretezza. Anche dal punto di vista linguistico, ebbene si', anche il gringox ha trovato delle resistenze. E poi non dimentichiamoci che siamo in Ucraina e, sebbene la stragrande maggioranza parli russo, quelli che vengono dall'Ovest parlano solo ucraino...e li' e' un casino. Ma pian pianino superero' anche qiuesto ostacolo. Sto pensando di iscrivermi ad un bel corsettino di lingua ucraina...
Simpatica la situazione che si e' verificata talvolta nel mio stand quando qualche mio collega relazionandosi con qualche cliente dell'ovest. Lui che parla in russo, quell'altro che gli risponde in ucraino... roba da matti!

Per il resto, che dirvi. Ho conosciuto parecchi italiani, sono stato diverse volte col caro webboss, ho conoscito il presidente dell'Associazione Italia-Ucraina e mi sto gia' intrufolando lentamente, ehehe. Il gringox non puo' certo farsi scivolare un'occasione del genere...

Beh, il mio programma vede una mia prima puntata all'interno del paese settimana prossima. Lunedi' prossimo partiro' alla volta di Lutsk, L'vov, Ivano-Frankovsk, Ternopol', Vinnitsa... alla scoperta della povera e ucrainofona "zapadnaja ukrajna" (Ucraina occidentale).

A presto.

gringox


tecnico [ 28 Marzo 2005, 22:07 ]
Oggetto: 
ma quantre te sei gia fatte?


gattomatto [ 29 Marzo 2005, 11:31 ]
Oggetto: 
[quote:21265ae14f="tecnico"]ma quantre te sei gia fatte? :-D[/quote:21265ae14f]

di Vodke si intende !!!!!

Caro Gringox ma quando e' che ci inviti


gringox [ 03 Aprile 2005, 20:11 ]
Oggetto: 
Carissimi

finalmente ho un po' di tempo per aggiornarvi sulla situazione ucraina, perche' a parte gli sbattimenti lavorativi e ambientazionali...bisogna far fronte ai frequenti sbattimenti alcolici, hehehehe...
Ogni giorno qui e' buono per festeggiare qualcosa o qualconu e conseguentemente ingurgitare la "solita" dose di alcol. Venerdi' era "den smeha" (il pesce d'aprile nostrano) e giu' a festeggiare!

be' la seconda settimana nel complesso e' stata molto piu' rilassante della prima e pian piano sto comprendendo il ritmo di lavoro locale e gli strani movimenti delle persone...

L'altro ieri era il compleanno di Ljuba, la donna delle pulizie, una signora sulla cinquantina, esile e sempre sorridente con un luccicante dentino d'oro, eredita' di una moda ancora sovietica, che ogni sera verso le sei arriva e seriamente ed efficacemente si dedica al suo lavoro. L'usanza qui prevede che in questi casi tutto il collettivo raccoglie una somma simbolica per fare un presentino al festeggiato e poi ci si riunisce tutti a condividere un momento insieme mangiando la torta e bevendo vodka o champanskoe! E' una cosa molto carina che evidenzia l'armonia dell'ambiente di lavoro, che qui e0' visto sotto un'ottica molto piu' famigliare e umana.

Domani parto per la prima missione interna verso Ovest: Lutsk, L'vov, Ivano-Frankovsk, Ternopol'...da lunedi' a venerdi, insieme al collega. Ne vedro' delle belle.

Per ora e' tutto.

Vostro,

Gringox


BOIACAN [ 04 Aprile 2005, 9:05 ]
Oggetto: 
Ueela Gringasso , uno se ne và  in vacanza un pò di settimane (il sottoscritto) e ti te parti par l'Ucraina ocio che
[size=18:122512493f]bacco,tabacco e Venere ....[/size:122512493f]
No xe che par caso ghe sia un posto anca par el boiacan in quel de Kiev ?
Podaria far el selezionator de personae feminie col vecio metodo dea graffetta !
A parte gli scherzi sono contento che ti vada tutto bene
[color=red:122512493f]Vai Gringox sei un grande !!![/color:122512493f]

Boiacan


Laclos [ 04 Aprile 2005, 20:01 ]
Oggetto: 
Scusa Gringox: evidentemente mi sono perso qualche puntata ma ti sei trasferito stabilmente?

Ciao


gringox [ 22 Aprile 2005, 20:08 ]
Oggetto: 
[quote:1ab37eaa5c="Laclos"]Scusa Gringox: evidentemente mi sono perso qualche puntata ma ti sei trasferito stabilmente?

Ciao[/quote:1ab37eaa5c]

gia' caro laclosone...e' proprio cosi'.

Dunque Ucraina.

Ovest ed Est, spaccati di un Paese diverso e vario!

...La strada che da Rovno ci porta verso Lutsk e' di un asfalto rosso porpora grattuggiato con crepe e fessure di varie dimensioni e profondita' che rendono la nostra corsa sballottante e nervosa. Non puoi perdere la concentrazione, potresti correre il rischio di finire fuori strada. Pochissime macchine si incontrano sul percorso...
Incontriamo paesini con casette di muratura a un piano e il tetto aguzzo. Non una macchina, solo carretti trainati da cavalli stanchi ai bordi delle strade e contadini visibilmente svogliati e ricurvi.
Ecco, un balzo nel medioevo d'Europa.
Qui siamo in terra cattolica di rito greco e all'entrata di ogni villaggio una statua con la madonna o una nuova chiesetta cattolica ce lo ricorda.
Lutsk, L'vov, Ivano-FRankovsk, citta' mezze polacche, mezze asburgiche, mezze slave. Tanta storia e tanti avvicendamenti politici hanno scosso la tranquilla vita di queste citta'. L'vov con le sue chiese e i suoi palazzi d'epoca e' una gran bella citta'. Molto poco "sovietica" e molto "middleuropea".

Dall'altra parte c'e' il residuo della grandiosita' sovietica, Dnepopetrovsk, Donetsk, Harkov (antica capitale ucraina)... qui e' l'asfalto verde su strade decisamente migliori che ci conduce a loro.
Citta' enormi, industriali e brulicanti di novita' e di edifici moderni. E' la zona del "perdente" Yanukovich, e' l'Ucraina ricca, che porta la ricchezza al paese con le sue miniere, le sue fabbriche vecchie ma ancora fumanti, la sua mafia che allarga i suoi tentacoli verso la capitale...

gringox


gringox [ 02 Maggio 2005, 10:06 ]
Oggetto: 
Il gringox e' rientrato per una breve pausa in Patria.

Ringrazio il Forum per la vicinanza in questo primo periodo di emigrazione...

Un ringraziamento veramente particolare all'amico Spek che, puntualmente, una/due volte la settimana faceva sentire telefonicamente la sua bella vocina e mi sembrava che fosse li' dietro l'angolo a bersi il suo solito bel birrozzzo!!

gringox


gringox [ 31 Maggio 2005, 9:35 ]
Oggetto: 
Forum...

il gringox riparte...

136011...sono i kilometri che segna il tachimetro della Fiat Uno 1000 grigia del '90, del webboss, che presto si accingera a compiere il suo "ultimo" viaggio, in direzione ucraina!

Il Biondo Michele mi attende a Bergamo e poi via, attraverso Austrai, Ungheria e Ucraina...2500 KM alla volta di Kiev!

A presto amici.

generale gringox


Mr.G [ 31 Maggio 2005, 11:46 ]
Oggetto: 
[quote:35fb4e083f="gringox"]Forum...

il gringox riparte...

136011...sono i kilometri che segna il tachimetro della Fiat Uno 1000 grigia del '90, del webboss, che presto si accingera a compiere il suo "ultimo" viaggio, in direzione ucraina!

Il Biondo Michele mi attende a Bergamo e poi via, attraverso Austrai, Ungheria e Ucraina...2500 KM alla volta di Kiev!

A presto amici.

generale gringox[/quote:35fb4e083f]

Buon viaggio !


gringox [ 06 Giugno 2005, 9:26 ]
Oggetto: 
Riecco il gringox d'Ucraina apparire all'orizzonte...

Dopo 57 ore di viaggio e 2400 km circa di viaggio, il gringox e il fedele biondo bergamasco (cioe' il michele) giungono a Kiev, stanchi e affaticati, ma soddisfatti e orgogliosi della tenuta della macchinetta e delle loro condizione psico-fisica!

gringox


gringox [ 14 Giugno 2005, 14:01 ]
Oggetto: 
...il "biondo" e' partito!
Il buon Michele sta rientrando in patria dopo 2 settimane di "delirio" ucraino col gringox.

L'espressione triste di un volto nostalgico al momento dell'addio in aeroporto sono l'evidente e tangibile segno di una parentesi di buon umore che si e' conclusa felicimente... Non poteva essere diversamente!

La frase piu' bella - quelle cose "vere" (altro che amaro montenegro!) - che riempiono il cuore e la mente di gioia profonda e lasciano indelebili nel tempo, ricordi di momenti splendidamente vissuti.

"Ale. e' la vacanza piu' bella che abbia mai fatto!!"...queste le ultime parole del biondo! Una gioia immensa per me. Il primo ospite a tutti gli effetti del gringox d'Ucraina. Gia'...

gringox


eyes [ 14 Giugno 2005, 14:22 ]
Oggetto: 
hehehe Furbacchiotti!!! Avete rifatto la punta??? hai fornito Michele di una confezione del Ghg Platinum, ultimo ritrovato con doppioserbatoio per doppia eiaculatio? No? Molto male! Saremo io e Hit che "verremo" e al nascer d'agosto ti riforniremo a dovere.....


gringox [ 15 Giugno 2005, 16:34 ]
Oggetto: 
[quote:ce7fd35cf3="eyes"]hehehe Furbacchiotti!!! Avete rifatto la punta??? hai fornito Michele di una confezione del Ghg Platinum, ultimo ritrovato con doppioserbatoio per doppia eiaculatio? No? Molto male! Saremo io e Hit che "verremo" e al nascer d'agosto ti riforniremo a dovere..... :wink:[/quote:ce7fd35cf3]

Ehmm, effettivamente no!
Gli ho regalato una coinfezione di GHG Gold, che comunque si difende bene e la si puo' trovare aqnche con una certa facilita' in Ucraina.
La collezione Platinum qui non e' ancora uscita...Devo ammettere che c'e' una concorrenza agguerrita su questo campo, soprattutto giapponese ed ucraina. Ma il GHG e' un marchio unico ed irripetibile, che si adatta ad ogni tipo di situazione e ad ogni tipologia umana...hehehe...Ineguagliabile.

...e comunque il buon michele ha saputo agire con "mano" maestra e ha consumato pochi GHG, prediligendo altri metodi piu' "naturali", hehehhe

gringox


hitman [ 15 Giugno 2005, 16:54 ]
Oggetto: 
Ma ragazzi, che dire allora della nuovissima serie GHG Titanum, resistente a tutto e serigrafata su ogni singolo pezzo. Testimonial del prodotto sarà  Nata. Un GHG per "spingere" e spingersi fino nell'immensa siberia e giungere là  dove nessuno è mai giunto (moto a luogo) o venuto (stato in luogo) prima!


gringox [ 19 Giugno 2005, 14:36 ]
Oggetto: 
[quote:d9ec8e4184="hitman"]Ma ragazzi, che dire allora della nuovissima serie GHG Titanum, resistente a tutto e serigrafata su ogni singolo pezzo. Testimonial del prodotto sarà  Nata. Un GHG per "spingere" e spingersi fino nell'immensa siberia e giungere là  dove nessuno è mai giunto (moto a luogo) o venuto (stato in luogo) prima![/quote:d9ec8e4184]

Hahahahahaha...allora dopo il GHG gold e il "platinum", abbiamo l'ultimo della collezione, il "titanunum", beh...che dire, sicuramente un prodotto per l'uomo d'elite, per colui che vuole andare e venire in sicurezza, ma elegantemente, per l'uomo di una certa eta' che ha bisogno di stile e di sicurezza, per avere prestazioni che nessuno della concorrenza puo' garantire!!!

gringox


eyes [ 23 Giugno 2005, 19:23 ]
Oggetto: 
CARISSIMO...CHI è QUESTA ANASTACIA? hem..hem....
p.S. non male..non male....


gringox [ 23 Giugno 2005, 20:22 ]
Oggetto: 
[quote:4d2df45190="eyes"]CARISSIMO...CHI è QUESTA ANASTACIA? hem..hem....
p.S. non male..non male....[/quote:4d2df45190]


eccolo il colonnello al lavoro!!!

heheheh...che dire...il generale sceglkie sempre la carne piu' fresca, hehehe.

Una damigella di compagnia...come tante altre, hehehe

gringox


gringox [ 05 Settembre 2005, 13:57 ]
Oggetto: 
[quote:5feaa2c2f0="webmaster"]Ansa: 15:20 GMT KIEV
Il colonello gringox, dopo aver perso una partita a "ping pong" con le dogane Ucraine, e' tornato a Milano inaugurando piu' di 3000km della sua nuova auto per arrivare poi a Kiev tramite aereo della Malev.
Gode di ottima salute, ha rifornito il webmaster di salami, adesso si sta rifocillando di quella cosa che manca tanto in Italia. (ananas) (maliziosi! pensavate ad una delle sue damigelle di 20 anni?)[/quote:5feaa2c2f0]


Ebbene si'.

Quello che da banale (anche se non troppo) viaggio di ritorno in macchina - con la nuova gringmobile - si' e' trasformato in missione eroica anche se il fine non e' stato molto lieto.

...scattate le ultime fotine ricordo della vecchia gringmobile che in molti ricorderanno (la mitica Punto bianca), prima della sua ultima e definitiva tumulazione e via, chiavi in mano, sul nuovo bolide chiamato 156...Alfa 156, la nuova potente gringmobile che accompagnera' il gringox attraverso le strade ucraine...
Era martedi' 30 Agosto. Proprio in tempo per la partenza programmata, per il rientro in Ucraina, dopo il riposo milanese. Ebbene macchina nuova, documenti nuovi. Un piccolo dettaglio, banale per la nostra Italia e per l'europa unita, ma che si rivelera' catastrofico per il finale della vicenda: la presenza del foglio di circolazione provvisorio, in attesa del libretto originale.
Parto dunque, con la coscienza a posto e con la grande voglia di mettermi inmarcia col nuovo mezzo.
E cosi' giovedi mattina si parte. Verso le 11.00 di mattina. Il bolide reagisce bene, compatto, massiccio...in circa un'ora e mezza raggiungo Venezia. nel frattempo riflettevo sulla strada da prendere: fare l'Austria (come la volta scorsa quando io e il biondo portammo la Uno del webboss su a Kiev) o provare la Slovenia? Beh, curioso di novita', decido al bivio per Tarvisio di proseguire dritto fino a Trieste. La Slovenia e' piu' breve e l'autostrada mi porta fino a Maribor in poco tempo.
Detto fatto, in breve mi trovo nella campagna slovena. lasciate dietro le Alpi e i rilievi verdi sloveni, mi districo tra le stradine slovene confinanti con l'Ungheria. Entro in Ungheria a Lendava. Confine vuoto, dalla parte ungherese addirittura dismesso. Nessuna guardia di frontiera, nessun controllo. Il profumo dell'Europa e' gia' entrato in questi novelli Paesi tanto desiderosi di inserirsi nel calderone europeo...
Nel frattempo si faceva pomeriggio inoltrato e il lago Balaton non finiva piu'. Altro che autostrada, la serpentina mi faceva attraversare la puszta ungherese e sembrava veramente interminabile. Finalmente ad un certo punto, a circa 130 km da Budapest, inizia l'autostrada. Era gia' buio.
L'autostrada mi catapulta in Budapest, proprio in citta'. Ci metto un po' prima di trovare la nuova autostrada che mi porta verso nord-est, verso Nygherihaza...Ma non mi fermo. L'obiettivo e' quello di giungere il piu' vicino possibile al confine di Chop (Ungheria-Ucraina), prma di fermarmi per il pernottamento.

Fine prima puntata.

gringox


gringox [ 07 Settembre 2005, 19:18 ]
Oggetto: 
....L'autostrada e' buia, poche macchine la calpestano e velocita' elevata ed io dietro a loro, con una forte stanchezza sulle spalle, ma con la voglia e l'orgoglio di proseguire. Ho sete, non bevo; mi scappa la pipi', me la tengo...devo raggiungere la fine dell'autostrada per concedermi la pausina.
Al bivio per Miscolc e Polgar, ricordandomi della mappa, giro a Polgar, in direzione Nygherihaza. Finisce di colpo l'autostrada e non vedo piu' nulla. E' ancora piu' buio e la strada pare inesistente e si svincola in mezzo alla campagna ungherese tenebrosa e disabitata.
Mi fermo un attimo e faccio quello che dovevo fare da tempo. E riprendo la marcia.
Dopo piu' di due ore, compreso diversi retromarcia per errori di strada in paesini spenti e senza indicazioni, giungo finalmente a Neghirehaza. In breve, attraverso le strade vuote della mezzanotte, raggiungo il MacDonald, l'unica cosa che mi ricordavo di questa citta', tutto sommato grandina, dall'ultimo viaggio fatto col biondo. Mi fermo un secondo e ragiono.
da questo punto, mancano circa 70 km al confine ucraino. Forse e' meglio cercsare un posto per loa notte. E cosi' inizia la ricerca frenetica di un alberghetto in citta'. Tutto avuoto. Uno e' pieno (anche se non c'era manco una macchina nel parcheggio!!), uno e' chiuso, uno, nonostante avessi seguito l'indicazione, non lo riesco a trovare.
beh, distrutto dai circa 1300 km fatti, decido di proseguire sulla statale che mi porta verso il confine. In breve trovo un alberghetto decente a bordo strada. Quattro amici che sghignazzano al tavolo, mentre bevono qualcosa; il titolare seduto con una donna alla macchinetta del poker e null'altro. C'e' posto. Mi fermo finalmente. La testa mi duole un po', bevo 2 birre freschissime e mi corico in breve.

Fine seconda puntata.

gringox


gringox [ 09 Settembre 2005, 16:33 ]
Oggetto: 
…Bevuto il caffe', un caffettaccio orribile, verso le 9,30 mi rimetto in movimento. La stanchezza di ieri sembra alle spalle, pur non avendo dormito molte ore. Forse il desiderio forte di proiettarmi in territorio ucraino mi sostiene e mi stimola.
Gli ultimi 60 km circa di strada statale scorrono veloci. Solo qualche mezzo pesante ogni tanto rallenta un po' la corsa. Targe russe, polacche, ucraine, tedesche…qualche italiano, si alternano su questa direttrice importantissima che collega il profondo est con l'europa. Ma qui anche l'europea Ungheria mostra il suo volto povero e trascurato. Anche qui i carretti trainati da cavalli si incontrano facilmente (come in Ucraina) e i villaggi non sono poi cosi' diversi da quelli che si incontrano attraversando la campagna ucraina dell'Ovest.
Grande sorpresa all'arrivo a Zahony: tutti i miei calcoli, in base all'esperienza vissuta mesi prima delle ore di attesa al confine, mi portavano a ritenere che, dopo le 6-7 ore in dogana, sarei entrato finalmente in Ucraina verso le 16,00 - 17,00 e da li' poi gli ultimi 900 km circa li avrei coperti in 7-8 ore, giungendo a Kiev finalmente in nottata. Ma lo stupore e' grande nel vedere che davanti a me, pochissime macchine mi precedono, mentre in senso opposto un mare di furgoni bianchi e auto ordinatissime attendono il loro turno. Grandioso, penso. Vai che forse riesco ad arrivare a Kiev in serata o addirittura nel tardo pomeriggio!
Pensieri positivi che subiranno una doccia fredda e pungente!
Un po' emozionato, con la macchina nuova, affronto il mio turno alla frontiera ungherese. Patente, libretto, accostamento dell'auto, apertura bagagliaio e cofano, controllo del telaio…un doganiere gentilissimo, tedesco - pensate un po' - facente parte del gruppo europeo internazionale di doganieri in missione “insegnamento” presso le varie dogane della “nuova” europa. Il foglietto provvisorio in sostituzione del libretto, non ancora pronto, non mi crea alcun problema.
In un attimo sotto i piedi sento i cigolii del vecchi ponte metallico d'epoca sovietica costruito sul fiume Tissa, che divide in questo punto Ungheria e Ucraina. Il versante ucraino e' a un passo. Ecco di nuovo il mio turno. Rapidissimo. Consegno patente, foglietto provvisorio e fotocopia del libretto. Mi vedo otto occhi puntati addosso, quattro nei confronti della gringmobile, due che accompagnano una smorfia sadica, nei confronti dei documenti consegnati e l'ultimo paio che soprassiede la situazione. Inizia in breve un battibecco salato tra me e loro.
Non mi vogliono far passare! Il foglietto non e' accettato da questo Paese che mira all'Europa, ma che avra' ancora decenni lungo il processo verso l'integrazione. Inizialmente pacata, la conversazione si trasforma presto in un “caso” da circo. Provo con la corruzione: 20 Euro (che durante il passaggio con la webbossmobile di qualche mese fa avevano funzionato). Mi vedo ridere in faccia. Estraggo allora la banconota profumata da 50 Euro. Peggio che andar di notte. Mi sento bofonchiare che se continuo cosi' mi applicano l'articolo statale ucraino sulla “deportazione” e rischio di non metter piu' piede definitivamente in territorio ucraino. Allora cambio strategia. Ritorno pacato, cerco il dialogo e l'intermediazione. Chiedo di poter parlare coi superiori. Accettano. Ma, sconvolto e incredulo, sento che la cosa si sta mettendo male. Mi fanno accostare la macchina a lato e mi chiedono di seguirli. Da questo momento sono “trattenuto” per circa tre ore, nelle quali si alternano confronti serrati coi militari, attese fuori dall'ufficio, telefonate varie e attimi di speranza si rincorrono…ma sono vani. Nulla sembra fermare la loro “deontologia”, improvvisamente divenuta sana e incorruttibile, per chissa' quale recondita ragione. Ne' le mie parole, le mie suppliche, le mie spiegazioni ragionate, le mie proposte di “accordarci” in qualche modo, modificano la loro impostazione. E' un foglio finale, controfirmato da me sotto costrizione, timbrato e vidimato dal capo, il glaciale verdetto contenente l'indicazione della mia infrazione dell'articolo del codice per l'immigrazione in Ucraina, che provoca il rifiuto del mio ingresso in macchina in Ucraina. Un verdetto ormai senza ricorsi. Ci provo io, ingenuamente, col foglietto tra le mani a supplicare in un ultimo atto di coraggio. Nulla da fare. Mi accompagnano alla macchina e mi fanno segno di far dietro front, indicandoni nuovamente il ponte ferroso sul Tissa. Ho perso. Sto rientrando in Ungheria. Qui affronto un po' di coda e poi un nuovo controllo alla dogana ungherese. Faccio capire che ci ero appena passato e che mi avevano rimandato indietro gli ucraini…
Deluso e sconfitto, gia' nuovamente in territorio ungherese, mi fermo un attimo e prendo in mano la cartina stradale. Subito decido. Prodeguo. Ostinato. Provo a valicare il confine da un'altra parte. La mia mente si butta subito verso la Romania, magari l'aggiramento ucraino attraverso la Moldavia. Ma la strada e' lunga ed e' gia' mezzogiorno.

Fine terza puntata

Gringox


gringox [ 09 Settembre 2005, 16:34 ]
Oggetto: 
…Bevuto il caffe', un caffettaccio orribile, verso le 9,30 mi rimetto in movimento. La stanchezza di ieri sembra alle spalle, pur non avendo dormito molte ore. Forse il desiderio forte di proiettarmi in territorio ucraino mi sostiene e mi stimola.
Gli ultimi 60 km circa di strada statale scorrono veloci. Solo qualche mezzo pesante ogni tanto rallenta un po' la corsa. Targe russe, polacche, ucraine, tedesche…qualche italiano, si alternano su questa direttrice importantissima che collega il profondo est con l'europa. Ma qui anche l'europea Ungheria mostra il suo volto povero e trascurato. Anche qui i carretti trainati da cavalli si incontrano facilmente (come in Ucraina) e i villaggi non sono poi cosi' diversi da quelli che si incontrano attraversando la campagna ucraina dell'Ovest.
Grande sorpresa all'arrivo a Zahony: tutti i miei calcoli, in base all'esperienza vissuta mesi prima delle ore di attesa al confine, mi portavano a ritenere che, dopo le 6-7 ore in dogana, sarei entrato finalmente in Ucraina verso le 16,00 - 17,00 e da li' poi gli ultimi 900 km circa li avrei coperti in 7-8 ore, giungendo a Kiev finalmente in nottata. Ma lo stupore e' grande nel vedere che davanti a me, pochissime macchine mi precedono, mentre in senso opposto un mare di furgoni bianchi e auto ordinatissime attendono il loro turno. Grandioso, penso. Vai che forse riesco ad arrivare a Kiev in serata o addirittura nel tardo pomeriggio!
Pensieri positivi che subiranno una doccia fredda e pungente!
Un po' emozionato, con la macchina nuova, affronto il mio turno alla frontiera ungherese. Patente, libretto, accostamento dell'auto, apertura bagagliaio e cofano, controllo del telaio…un doganiere gentilissimo, tedesco - pensate un po' - facente parte del gruppo europeo internazionale di doganieri in missione “insegnamento” presso le varie dogane della “nuova” europa. Il foglietto provvisorio in sostituzione del libretto, non ancora pronto, non mi crea alcun problema.
In un attimo sotto i piedi sento i cigolii del vecchi ponte metallico d'epoca sovietica costruito sul fiume Tissa, che divide in questo punto Ungheria e Ucraina. Il versante ucraino e' a un passo. Ecco di nuovo il mio turno. Rapidissimo. Consegno patente, foglietto provvisorio e fotocopia del libretto. Mi vedo otto occhi puntati addosso, quattro nei confronti della gringmobile, due che accompagnano una smorfia sadica, nei confronti dei documenti consegnati e l'ultimo paio che soprassiede la situazione. Inizia in breve un battibecco salato tra me e loro.
Non mi vogliono far passare! Il foglietto non e' accettato da questo Paese che mira all'Europa, ma che avra' ancora decenni lungo il processo verso l'integrazione. Inizialmente pacata, la conversazione si trasforma presto in un “caso” da circo. Provo con la corruzione: 20 Euro (che durante il passaggio con la webbossmobile di qualche mese fa avevano funzionato). Mi vedo ridere in faccia. Estraggo allora la banconota profumata da 50 Euro. Peggio che andar di notte. Mi sento bofonchiare che se continuo cosi' mi applicano l'articolo statale ucraino sulla “deportazione” e rischio di non metter piu' piede definitivamente in territorio ucraino. Allora cambio strategia. Ritorno pacato, cerco il dialogo e l'intermediazione. Chiedo di poter parlare coi superiori. Accettano. Ma, sconvolto e incredulo, sento che la cosa si sta mettendo male. Mi fanno accostare la macchina a lato e mi chiedono di seguirli. Da questo momento sono “trattenuto” per circa tre ore, nelle quali si alternano confronti serrati coi militari, attese fuori dall'ufficio, telefonate varie e attimi di speranza si rincorrono…ma sono vani. Nulla sembra fermare la loro “deontologia”, improvvisamente divenuta sana e incorruttibile, per chissa' quale recondita ragione. Ne' le mie parole, le mie suppliche, le mie spiegazioni ragionate, le mie proposte di “accordarci” in qualche modo, modificano la loro impostazione. E' un foglio finale, controfirmato da me sotto costrizione, timbrato e vidimato dal capo, il glaciale verdetto contenente l'indicazione della mia infrazione dell'articolo del codice per l'immigrazione in Ucraina, che provoca il rifiuto del mio ingresso in macchina in Ucraina. Un verdetto ormai senza ricorsi. Ci provo io, ingenuamente, col foglietto tra le mani a supplicare in un ultimo atto di coraggio. Nulla da fare. Mi accompagnano alla macchina e mi fanno segno di far dietro front, indicandoni nuovamente il ponte ferroso sul Tissa. Ho perso. Sto rientrando in Ungheria. Qui affronto un po' di coda e poi un nuovo controllo alla dogana ungherese. Faccio capire che ci ero appena passato e che mi avevano rimandato indietro gli ucraini…
Deluso e sconfitto, gia' nuovamente in territorio ungherese, mi fermo un attimo e prendo in mano la cartina stradale. Subito decido. Prodeguo. Ostinato. Provo a valicare il confine da un'altra parte. La mia mente si butta subito verso la Romania, magari l'aggiramento ucraino attraverso la Moldavia. Ma la strada e' lunga ed e' gia' mezzogiorno.

Fine terza puntata

Gringox


gringox [ 20 Settembre 2005, 11:11 ]
Oggetto: 
Mentre proseguo a ritroso, lentamente, penso e ripenso a quello che mi e' successo e a quello che sto per fare. E non sono convinto del tutto. La Romania e' lunga…circa 300 km. di territorio, prima di giungere al confine di Suceava (quello che ti porta a Chernovcy, in terra ucraina, per intenderci). Arriverei sicuramente di sera, forse di notte, immagino che strade ci saranno sul versante romeno. E poi sono stanco, gia' stanco, nonostante il sole caldo sia ancora alto sopra di me. E strane idee iniziano ad assalirmi la mente: forse che sia meglio non ostinarsi con altri confini e lasciare la macchina a Chop e prendere il treno? Ma poi, dove cavolo la lascio la macchina? E se me la rubano? E poi quanto costera'? Sara' sicuro? Mah…Oppure forse e' meglio tornare a Budapest e lasciarla la' in qualche parcheggio e prendere l'aereo? O forse spararsi il ritorno fino a Milano ora e parcheggiare la gringmobile in garage e rientrare a Kiev in aereo…Tutti pensieri che entrano ed escono velocemente e mi confondono le idee.
No. Vado avanti, almeno mi do' un orario e sposto la decisione finale di qualche ora piu' avanti. Tanto - penso - fino a sabato sera ho tempo di girare e decidermi. L'imperativo e' l'arrivo in ufficio a Kiev lunedi' mattina (5 settembre), assolutamente ed improprogabilmente!! Impegni importanti d'ufficio mi aspettano.
E poi, se non altro, ho un'altra possibilita' “ungherese” di valicare il confine. La seconda frontiera, quella piu' meridionale non e' lonatnissima da qui ed e' meno battuta e conosciuta di quella di Chop e, chissa' mai, che non conoscano bene le regole del libretto della macchina o che almeno siano piu' “docili” e portati al “dialogo”. Questa volta preparo subito la banconota da 50 eurini…
E cosi' proseguo. Sempre con la cartina sotto mano, dato che la campagna ungherese di confine e' un dedalo di stradine strette che attraversano paesucoli vivaci in queste ore del giorno, ma del tutto privi di una qualche indicazione stradale.
Nel centro di Mateshalka un cartello seminascosto mi indica che la strada per il confine e' quella che prosegue sulla sinistra. La imbocco ad andatura moderata. Nessun segno di “Ucraina”, nessun mezzo con targhe ucraine o russe, inizio un po' a preoccuparmi. Forse che sia chiuso quel cavolo di confine? Mah, penso, tanto ormai mancano una manciata di chilometri, eventualmente faro' dietro-front e poi pensero' sul da farsi. Il ponte sul fiume Tissa in questo angolo di Ungheria non segna come a Chop il confine naturale con l'Ucraina. Lo attraverso e sono ancora in Ungheria, ancora per poco…Improvvisamente vedo il cartello indicante la dogana e in un attimo mi ritrovo incolonnato dietro ad una serie di macchine, poche a dir la verita'. Sono arrivato al confine di Tisabech-Vilok. La bandiera ungherese e, poco piu' in la', quella ucraina sventolano baldanzose ed io tiro un sospiro di sollievo. La frontiera e' aperta, ora speriamo in bene.
E' il mio turno, per la secona volta nell'arco di qualche ora tento di valicare il confine. Consegno prima il passaporto e poi la carta d'immigrazione compilata…il “clac” del timbro sulla pagina del passaporto e sul modulino mi infondono qualche speranza…un'illusione, che dura pero' qualche attimo di secondo! “Teh-passport pozhalujsta” (il libretto della macchina per favore) - mi chiede subito il doganiere gentilmente, gli consegno il fatidico “foglietto” sostitutivo…e' la fine penso. Non passero' neanche stavolta. Lo prende, lo gira, lo rigira, mi guarda e si mette a ridere. Cos'e' questa roba qui? Accosta la macchina e aspetta - mi dice. Che cosa non so, forse che arrivi qualche altro superiore, forse ho qualche speranza, forse posso contrattare, mah…aspettiamo. Oppure chissa', magari hanno comunicato l'informazione dal confine di Chop e visto che mi trovano recidivo, questa volta incorrero' in casini maggiori…
Un'altra ora circa di trattative che si concludono per la seconda volta con un secco rifiuto. Firmo la dichiarazione di espulsione, accetto il fatto che mancano i documenti necessari per poter entrare nel territorio ucraino con la propria macchina…e mi ritrovo sconsolato di nuovo al volante, ancora una volta in Ungheria, ancora una volta in quelle stradine di campagna, senmpre piu' stanco e demoralizzato…e intanto il pomeriggio volge alla sera.
Che fare? Dopo un paio di telefonate in Italia e a Kiev per qualche scambio di consigli, decido che sono ancora in tempo a provare testardamente, ma da un altro Stato. Cartina alla mano vedo che la Romania sarebbe comoda perche' a un passo da qui, ma il primo valico segnato con l'Ucraina e' verso Suceava ed e' parecchio distante, circa 300 km e poi mi immagino quelle strade…ci arriverei stanotte. Un rischio che mi pregiudicherebbe un'eventuale successiva dcisione di rientrare disperatamente a casa in Italia. Non ce la farei poi in un giorno solo!
Allora decido di puntare verso nord, verso la Slovacchia, piu' lonatana da qui, ma piu' compatta e con due o tre valichi di confine con l'Ucraina, tutti vicini ed abbordabili. E poi mi sento piu' tranquillo, la Slovacchia e' terra slava, non so perche', ma la sensazione e' di maggiore sicurezza, rispetto alla Romania.
E cosi' di nuovo mi ritrovo a Neghirehaza, mi mangio un veloce panino dall'amico McDonald e proseguo. Si sta facendo sera. Un sorriso sulle labbra mi viene alla vista del cartello “Tokaj” che segna il passaggio nella cittadina famosa per la produzione del vino ungherese “tokaj”. Veramente un posto carino, e anche turistico sembrerebbe. Oltre ai dolci rilievi contornati di viti, che scendono lievi verso l'ansa del fiume Tissa, nel paese pullulano le scritte “therme”, a confermare la notorieta' della zona come centro termale…Purtroppo non ho ne' tempo ne' voglia per fermarmi ad una delle tante bancarelle lungo la strada che vendono bottiglie di bianco tokaj di produzione propria…

E' gia' scuro quando attraverso il confine ungherese slovacco. Velocemente, senza intoppi. Questi due Paesi amici ormai hanno anche deciso di optare ad un risparmio di strutture e di personale. E cosi' ecco che di barriera doganale ce n'e' una sola comune. I due doganieri quello ungherese e quello slovacco sono insieme. Non imagino come facciano a capirsi…sta di fatto che mi guardano velocemente il passaporto, senza nemmeno prenderlo in mano e poi con un breve cenno mi fanno proseguire. E' gia' buio. Sono in Slovacchia. Mi dirigo verso Koshice.

Fine quarta puntata.

gringox


zhenja [ 20 Settembre 2005, 12:13 ]
Oggetto: 
Kosice (o Kosso in magiaro) una delle mie citta' preferite, molto piu bella di Bratislava...e conosco un ristorantino....te lo diro' x la prossima volta...


ma davvero anche tu hai preso il barcone da Soroca-moldavia?

il mio era illegale (sono entrato da clandestino), forse potevi usarlo per fare entrare la tua macchina.....

aspettiamo il seguito slovacco

zhenja


ps alla fine quale e' secondo te il tragitto + rapido?
via Slovenia?
via Austria/furstenfeld poi Veszprem Bpest?
o via Wiener Neustadt-Gyor Bpest?

e alla luce delle esperienze che attendo ansioso in slovacchia, conviene passare da li o e sempre meglio Chop?


Lorenzo [ 20 Settembre 2005, 12:22 ]
Oggetto: 
BELLO BELLO BELLO E AVVINCENTE!
ASPETTO CON TREPIDAZIONE LA 5a PUNTATA!!!!!!!!


CIAO

C69


gringox [ 20 Settembre 2005, 14:35 ]
Oggetto: 
[quote:4dc349bc97="zhenja"]Kosice (o Kosso in magiaro) una delle mie citta' preferite, molto piu bella di Bratislava...e conosco un ristorantino....te lo diro' x la prossima volta...


ma davvero anche tu hai preso il barcone da Soroca-moldavia?

il mio era illegale (sono entrato da clandestino), forse potevi usarlo per fare entrare la tua macchina.....

aspettiamo il seguito slovacco

zhenja


ps alla fine quale e' secondo te il tragitto + rapido?
via Slovenia?
via Austria/furstenfeld poi Veszprem Bpest?
o via Wiener Neustadt-Gyor Bpest?

e alla luce delle esperienze che attendo ansioso in slovacchia, conviene passare da li o e sempre meglio Chop?[/quote:4dc349bc97]


Dunque intermezzo prima della penultima parte del racconto, giusto per rispondere a stavretto...

Si', ho fatto anch'io l'esperienza del barcone sul Dnestr, da Soroca a Jampil' in Ucraina. 4 ore di attesa (eravamo quest'estate in macchina con mr. g, con la macchina del webboss, ovviamente non in regola coi documenti, heheh). Ma e' stata una figata. Forse sarei passato con la mia macchina da qui...il problema era che dovevo arrivarci fino a qui, cioe' scendere dalla Romania, entrare in MD e da li' venbire su qui...troppo lunga e avevo poco tempo, e poi c'era l'incognita MD...

Alla seconda domanda ti rispondo cosi':
1. dal punto di vista chilometrico e' piu' breve via TS-Fernetti, SLO, H...
2. dal punto di vista "scorrimento" e tempo e' piu' breve via Tarvisio, A (Wiener Neustadt-Gyor), H
3. L'A,  furstenfeld-Veszprem, conosco la strada ma non l'ho mai fatta, forse la provero' adesso, quando rientro su a Kiev in macchina

...bisogna cmq tener presente che anche sulla strada scorrevole possono sorgere inconvenienti spiacevoli quali incidenti, file, lavori in corso, ecc...e il tempo puo' avvicinarsi a quello che si impiegherebbe via SLO...in sostanza, alla fine della fiera siamo li'...

gringox

PS: per KOsice, aspetto la tua dritta, chissa' mai che lo provero'...


zhenja [ 21 Settembre 2005, 10:21 ]
Oggetto: 
il locale si chiama
krchma letna

cerco di recuperare indirizzo e telefono (meglio prenotare), onestamente devo pero' ammettere (con tristezza) che  e' dal 2000 che non ci vado.

Molto elegante, si mangiavano squisitezze  tipiche locali e cacciagione a prezzi ridicoli

:)

zhenja


gringox [ 22 Settembre 2005, 11:59 ]
Oggetto: 
Poche macchine mi fanno compagnia nella lenta mia corsa verso Kosice. Logicamente l'orario, ma piu' probabilmente la mancanza di paesi e citta', fanno si' che in questa parte di Slovacchia non ci sia assolutamente quasi nessuno per le strade. Purtroppo non riesco neppure a rendermi conto di cio' che ho intorno, solo sagome di casette sparse per la campagna, di alberi e cespugli, e un continuo saliscendi della strada che alterna curve a gomito, tornanti, a tratti diritti e lisci… Intravedo tanto verde, tanta campagna, anzi collina dolce. Nulla da dire sulla qualita' della strada. L'asfalto e' in ottima condizione, meglio sicuramente rispetto alle strade ungherese, neanche paragonabile a quelle ucraine.
Durante questi lunghi momenti solitari, governati da un'alta concentrazione, non ascolto neanche la radio, neanche un disco…beh, a dir la verita', e' gia' qualche ora che ho spento tutto. Sembra quasi un rifiuto dei suoni esterni e una ricerca della concentrazione. Un'immersione nei propri pensieri. Guardo fuori, guardo il volante, guardo dritto avanti a me. Nonostante sia sceso il buio, e senta fortemente la stanchezza, non ho sonno. Sicuramente in me, mi conosco, sta giocando il fatto dell'emozione di trovarsi in un nuovo Paese, che ancora non era stato visitato da me. E quindi la voglia di scoprire, di vedere, anche se si vede poco niente fuori, la voglia di arrivare a Kosice, che so, per sentito dire, che si tratta di una citta' importante slovacca e grande…infine la speranza di poter stavolta valicare il benedetto confine ucraino e potersi poi rilassare ad Uzhgorod, prima di riprendere il cammino domani mattina. E intanto rifletto ad alta voce su come questa volta devo approcciarmi ai doganieri, cosa fargli vedere, cosa inventare. Sicuramente il fatto che sia sera e che comunque arrivi al confine di Uzhgorod tardi gioca a mio favore. In queste ore chissa' che ci siano dei turni di militari piu' “docili” e sensibili e che possano venirmi incontro…Le ho provate tutte in Ungheria, tanto da rassegnarmi ormai che questa volta i soldi non aiutano, ma…era giorno, c'era movimento e, anche per loro, uscire allo scoperto ed accettare denaro poteva costituire fonte di rischio nei confronti di qualche superiore che poteva piombare a controllare la situazione da un momento all'altro…ora no. E' sera inoltrata. I superiori dormono o si stanno ubriacando da qualche parte…e zacchete, io riusciro' nel mio intento…Pensieri folli che si inseguono. Una cosa e' ormai chara. Questo di Uzhgorod sara' l'ultimo tentativo, dopo il quale, se dovesse andare buca, beh…non rimane altro che prendere l'amara decisione del ritorno a casa, a Milano. Non ho alcuna intenzione di lasciare la nuova “gring-mobile” da qualche parte in Slovacchia, in attesa di venire a riprenderla chissa' tra quanto tempo…!!
Oltrepassato Presov, una lunga discesa semidiritta mi apre una visuale su una pianura puntellata di lucine arancioni contornate da un alone molto intenso, le classiche luci dei lampioni della citta'…evidentemente mi sto avvicinando a Kosice. E sono quasi le 22,30. Questo fatto mi consola, significa che, in base alla cartina, sono a circa 140 km dal confine di Uzhgorod e se tutto va bene tra un'oretta e mezza dovrei esserci…
Nonostante l'orario tardo e il fatto che fosse la mia prima visita in questa citta', grazie a delle indicazioni chiarissime e ad un sistema stradale moderno di cavalcavia, viadotti e speci di tangenziali, in poco tempo mi lascio alle spalle Kosice e proseguendo in salita mi dirigo verso Mihalovce, l'ultima grossa cittadina prima del confine. La strada sale parecchio, evidentemente siamo in montagna ed inizio a sentire un po' di freschino. Anche lungo questa statale trovo poco traffico, qualche camion con targhe straniere, ucraini, polacchi, ungheresi…
Attraverso diversi paesini spenti, bui. Tutto tace, tutto fermo. Improvvisamente penso: “cavolo, ma pensa te dove sono finito, hehehe, sono in Slovacchia, ma chi poteva mai immaginarlo…e adesso entrero' dal confine di Uzhgorod; mah, speiamo in bene. Va bon, andiamo avanti…”, e rido tra me e me, definendomi un pazzo!! Ripenso brevemente alla giornata di oggi, sono in piedi dalle 8,30 e in movimento dalle 9,30 e ne ho fatta di strada, con tutte le “batoste” che ho preso e lo stress che ho accumulato; sono in piedi con un boccone dell'amico MacDonald ingurgitato senza neanche troppa fame nel pomeriggio e basta; potevo a quest'ora essere gia' di la', sui Carpazi, verso Strij o magari gia' a Leopoli, e invece…
La strada perennemente a curve mi rallenta la corsa, la mancanza di indicazione del confine e della citta' di Uzhgorod ogni tanto mi tiene in allerta, ma l'impressione di giungere nei pressi del confine in poco tempo e' reale e palpabile. Probabilmente il buon umore e l'interpretazione positiva di pensieri non troppo confortanti hanno trionfato in me sulla stanchezza e lo sconforto per la giornata trascorsa e non ancora finita.
E' passata da qualche minuto la mezzanotte, forse mezzanotte e dieci, e dodici, non ricordo esattamente, che mi trovo improvvisamente a rallentare dietro una macchina ferma, a luci spente, che fatico a vedere e per poco nongli vado addosso; a fianco a me un camion enorme. La strada in teoria dovrebbe essere a doppio senso, ma buona parte della corsia opposta e' occupata da macchine in fila, fila nella quale mi rendo conto di esserci finito anch'io. A fianco alla nostra fila c'e' quella dei camion, enormi bisonti addormentati…Rimango con la macchina accesa per qualche minuto, perche' non mi sono ancora completamente accorto della situazione e per mantenermi un po' al calduccio e per far un secondo lavorare un po' la testa per pensare sul da farsi. Poi mi decido, spengo il motore, indosso la giacchetta ed esco in perlustrazione. Nel frattempo dietro di me si erano gia' accalcate altre tre macchine! In breve realizzo la situazione, il confine e' poco oltre, beh…non proprio poco! Cammino per circa 10 min e lo stesso non riesco ad arrivare nei pressi della barriera del confine. Una cosa sconvolgente, una fila interminabile di macchine e camion in attesa di valicare il confine. Qualcuno lo sa e soavemente ha attrezzato la cabina dell'auto a camera da letto, sedili giu', cuscino e copertina, in attesa che arrivi il proprio turno; qualcun altro lo sa anche lui ed e' fuori a fumare e ciacolare con altre persone…”tanto siamo tutti sulla stessa barca”…con la bottiglia di birra in mano e il sorriso fatalista di chi accetta sempre le cose come capitano perche' cosi' e' scritto da qualche parte chissa' dove!! Altri ancora ascoltano la radio in macchina…insomma tutti lo sanno che ogni giorno e' cosi', si ripete lo stesso rituale, macchine diverse, gente diversa, ma condizione identica. E nessuno si lamenta. Nella mia camminata verso la barriera noto tutti questi atteggiamenti e noto che le macchine sono quasi tutte con targa ucraina e ce ne sono “di tutti i colori”, dalle vecchie “zaparozhec” e “Zhiguli” a nuovi Jeepponi Tojota e Lexus. La stessa situazione, anzi probabilmente peggiore l'avevo trovata quando, mesi fa, ero rientrato in Italia con le “marshrutke” di Molino Dorino. La' eravamo a Chop e abbiamo fatto 7 ore di fila prima di passare il confine, ma l'orario era piu' comprensibile e poi non avevo fretta e poi faceva parte delle emozioni ancora da provare e da vivere…Qui, al contrario, la cosa mi pareva incomprensibile. E' mezzanotte e mezza - penso - ma che cavolo ci fanno tutte queste macchine. E la cosa buffa e' che durante la mia camminata avanti e poi indietro verso la macchina, il tutto circa 20 min…non ci si e' mossi di un millimetro!!!
Rientrato in macchina, mani e testa sul volante rifletto. Se la situazione e' cosi' drammatica, rischio che il mio turno sara' domani mattina, e poi se oltre al danno della perdita di tempo, mi “becco” anche la beffa (che poi non e' lecito definirla cosi') del rifiuto, beh…che cavolo faccio?? Domani e' domenica e lunedi' devo essere in ufficio a Kiev…No, non va bene! Pero', non va neanche bene che mi sono sparato tutti questi chilometri, dal confine con la Romania, fino alla Slovacchia, per niente, per non fare neanche l'ultimo tentativo di valico, come programmato…Non mi arrendo. Aspetto ancora qualche minuto, nell'attesa che magari si smuova la situazione e nel frattempo, carta alla mano, do' un'occhiata alle possibili varianti. “Ormai sono in ballo, balliamo”! Devo almeno provare un confine slovacco e poi, solo dopo l'ultimo eventuale ennesimo rifiuto, prendere la via del ritorno! Vedo che effettivamente c'e' una stradina segnata in giallo, microscopica, che costeggia il confine, verso nord, verso la Polonia. La carta segna: 22 km e poi, sempre sulla carta, ci dovrebbe essere il valico di Vel'ke Kapushani, una dogana secondaria…speriamo in bene. Devo solo tornare indietro di qualche chilometro e imboccare la strada giusta, perche' con questo buio c'e' il rischio che mi possa perdere. Non era segnato quasi fino all'ultimo questo confine, ben piu' importante, figuriamoci quello!! La decisione e' presa.
Faccio dietro front con un po' di fatica, perche' siamo tutti accalcati uno dietro l'altro e lo spazio di manovra e' limitato; lascio la colonna e rientro nella piu' totale oscurita, verso l'ignoto…

Fine quinta puntata.

Gringox


muslim [ 22 Settembre 2005, 21:09 ]
Oggetto: 
[quote:1409031eb1="gringox"]Poche macchine ... e rientro nella piu' totale oscurita, verso l'ignoto…

Fine quinta puntata.

Gringox[/quote:1409031eb1]

I RUMORS ***
Beh che dire! Non vedo l'ora di leggere la prossima puntata.

*** Senti ma non hai mai provato a scrivere gialli?***

Saluti.


Lorenzo [ 30 Settembre 2005, 9:51 ]
Oggetto: 
Bellissimo e avvincente!!!!!!

ciao
C69


ema [ 30 Settembre 2005, 12:20 ]
Oggetto: 
Arriva la sesta puntata? O dobbiamo darti un po' di soldi per corromperti?


zhenja [ 30 Settembre 2005, 13:17 ]
Oggetto: 
dovrebbe essere in italia e precisamente in fiera qui a bologna, aspetto una sua chiamata per vederlo, ma si vede che ha delle belle clienti e mi snobba


Rapisarda [ 15 Ottobre 2005, 14:52 ]
Oggetto: 
non ho capito bene la storia degli ufficiali gay  :-D


gringox [ 17 Ottobre 2005, 15:53 ]
Oggetto: 
[quote:182e66963e="webmaster"]Ore 12:00 GMT+2. Il gringox con la gringoxmobile ha varcato la frontiera ucraina. Tra 800km arriverà  a Kiev.
Riuscirà  il nostro eroe a sconfiggere gli ufficiali GAI con i loro modernissimi radar?[/quote:182e66963e]


Heheheehe....eccolo di nuovo in terra ucraina il gringox d'Ucraina...
Questa volta a  buon fine con la gringmobile...dopo 2287 km e circa 30 ore effettive di macchina con una sosta-notte nei pressi del confine ungherese-ucraino!!!

Il proseguo della vicenda scorsa arrivera' presto...tenetevi pronti per le ultime 2 puntate!

I GAI, non sono com pensa il rapisetto dei poliziotti gay, pensi e' l'abbreviazione della militsia stradale!!! Che poi: GAI in russo; DAI in ucraino...

gringox


gringox [ 21 Ottobre 2005, 16:27 ]
Oggetto: 
…risalendo verso ovest noto un bivio, del quale non ne avevo colto l'esistenza prima; ed in effetti, ora che ripenso, anche la stessa cartina indica che il confine di Uzhgorod e' suddiviso in due parti, un po' come quello/i di Gorizia che tagliavano la citta' in due con la parte ex-jugoslava. Gia', la colonna di macchine nella quale mi ero imbattuto portava evidentemente al confine principale, quello che poi, al di la', ti avrebbe condotto direttamente sulla statale nella direzione dei Carpazi e poi di Kiev; quell'altro (sempre di Uzhgorod) era probabilmente quello “cittadino”, al di la' del quale, cioe', la strada ti conduce direttamente alla citta' di Uzhgorod. Beh, sta di fatto che, con una certa curiosita', decido di fare questa deviazioncina e seguire il cartello con l'indicazione “Ucraina - Uzhgorod”. Tanto - penso - ormai, non e' che un quarto d'ora in piu' o in meno mi cambi la vita. La discesa e' brevissima, oltrepasso tre casette all'apparenza abbandonate e mi trovo fermo ad un incrocio abbastanza bene illuminato, a differenza della strada di prima nella quale ero incolonnato. Questa luce intensa mi permette di realizzare la situazione che poi, nonostante la mia testa non fosse ormai piu' tanto in grado di connettere, non era poi cosi' tanto logica e comprensibile. La barriera e' molto piu' vicina, rispetto aprima, e la vedo ad occhio nudo, poco oltre l'incrocio. Macchine ovunque, tutti fermi, gente sulla strada: davanti a me, a sinistra, dietro se ne erano gia' aggiunte un paio…ma soprattutto alla mia destra, da dove una serpentina di auto e camion conduce i miei occhi fino ad un punto, ad una curva, la'…in fondo dove c'era gia' il buio e dove mi pareva di esserci arrivato nella mia passeggiata a piedi di poco prima…
Insomma in breve la mia mente poco lucida e stanca mi porta ad una conclusione, che purtroppo non avro' comunque modo di confremare: si tratta di un'unica dogana, ma raggiungibile da due diversi punti. Insomma, la discesa forse e' presa d'assalto dai piu' furbi o dagli “abitue'” di questo confine, che viene intesa come una scorciatoia; ma, d'altra parte, i piu' furbi si accorgono presto di diventare i piu' fessi, quando giungono a quell'incrocio, nel quale mi trovo io ora, e si rendono conto che non possono andare oltre perche' la precedenza ce l'hanno quelli della “serpentina”… Chissa' - penso - magari questa gente ci riprova ogni volta con la scorciatoia, pensando e sperando che sia la volta buona di metterla in quel posto agli altri…mentre invece ogni santa volta si ripete lo stesso copione e sono proprio questi qui a prendersela in quel posto!
Comunque sia, vero o non vero che si tratti dello stesso confine, questo mio breve sopralluogo qui termina, faccio di nuovo dietrofront e ritorno, su per la salita, ad imboccare la strada statale.
La stradina gialla della cartina, quei 22 km che da Tibava conducono a Velikij Bereznij (gia' territorio ucraino) sono davanti ai miei occhi, sono l'ultima speranza di poter attraversare questo benedetto confine e sono anche l'ultima concreta possibilita' che mi rimane da tentare. So che ora devo concentrarmi piu' che posso, perche' il bivio per questo confine sicuramente non sara' indicato o, dato che si dirama dal centro del paesino di Tibava, nel quale ci saranno anche diverse altre stradine laterali che portano ad altri angoli della cittadina, tale bivio sara' indicato con qualche cartello seminascosto o comunque invisibile per il buio che mi circonda. Sarebbe d'uopo chiedere a qualcuno eventualmente…ma, a quest'ora la vedo grigia!
Le ultime sagome delle casette di Tibava sono alle mie spalle. Dopo tre tentativi e svolte in stradine sbagliate, finalmente imbocco quella giusta! E qui la stanchezza, l'oscurita', la strettezza della strada tutta a curve e il paesaggio circostante mi catapultano in una realta' da favola fantastica…alberi da inferno dantesco, sul ciglio della strada, dai grossi tronchi e dai rami che ti passano sopra, che sembrano braccia che cercano di avvinghiare nelle proprie maglie la macchina quasi a volerti impedire di proseguire per il puro gusto di dimostrare che a quest'ora della notte sono loro i padroni del tempo e dello spazio…Rumori e scricchiolii strani, complice il vento che spira leggero, interrompono la mia concentrazione facendomi di tanto in tanto sussultare sul seggiolino e di conseguenza frenare d'istinto nonostante vada a passo d'uomo e, come se non bastasse, qualche animaletto strano con code lunghe che mi attraversa la strada accecato dai miei potenti fari abbaglianti che tengo accesi durante tutto il percorso lungo questa “magica” stradina. Non una macchina incontro, non un essere umano, solo un misero paesino - beh, chiamarlo paesino e' un complimento - un piccolo agglomerato di quattro case di pietra, che nella mia immaginazione di quei momenti vengono da me identificate come le dimore di qualche strega o personaggio strano che popola le notti di questi boschi… In quei momenti provo la paura, dimentico tutto cio' che ho vissuto in questa giornata interminabile, perdo l'identita' spazio-temporale, ma non riesco neppure a cogliere cosa potrebbe succedermi; sicuramente qualcosa di irreale, di fantastico, perche' la situazione che sto vivendo ha semplicemente dell'innaturale…chissa', magari, nella migliore delle ipotesi, incontro uno gnomo della foresta che mi ferma e mi saluta. Incredibile l'essere umano in balia della sua immaginazione quando le circostanze sono tali da accenderla e da fomentarla al massimo. Allora, in quei momenti, l'essere umano ritorna bambino improvvisamente e arriva ad immaginare cose che solo poco prima non avrebbe neanche mai pensato; scaturisce una fantasia recondita, che nella quotidianita' rimane repressa e atrofizzata dalla realta' di ovvieta' che ci circonda, anche se l'ovvieta' della realta' e' spesso atroce e peggiore di qualsiasi fantasia! Un ritorno all'infanzia, alle paure e alle immaginazioni di quando capita, da bambini, si rimane per esempio per la prima volta a casa da soli per qualche ora, senza genitori… E cosi' questo bosco incredibilmente tenebroso mi opprime e mi spaventa, ma allo stesso momento mi stimola a vincere la paura e ad andare avanti. Sono momenti spaventosamente lunghi e tesi…
All'improvviso un bivio e una fioca luce di un lampione in mezzo alla stradina. Mi fermo qualche secondo in mezzo alla strada e prendo in mano la cartina. Ci sono. A sinistra la strada porta a Snina, a destra al confine. Svolto a destra, seguo il cartello con la scritta “Ucraina”. Il bosco e' alle spalle e con lui, come quando ci si sveglia da un sogno, o da un incubo, tutta la fantasia che era fuoriuscita dal mio animo e dalla mia mente scompare e ritorno ad essere il gringox, seduto al volante della sua macchina che sta per raggiungere l'ultimo confine, sperando di varcarlo da vincitore!
Sono le 01,30 di notte, ripenso alle mie precedenti tappe della giornata di oggi, anzi, ormai di ieri!
Poco oltre ecco la sbarra e la barriera di confine. Velikij Bereznij. Sull'asta una bandiera slovacca buia sventola e poco piu' sotto, a neanche 50 m, la barriera ucraina con la relativa bandiera. Due macchine mi precedono in uscita, una sola sta subendo i controlli qui, in entrata in Slovacchia. Penso ottinmisticamente: “questa volta la vedo bene, dai che passo, dai; dai, dai!!! Questa volta sono io a metterla in quel posto a tutti quei fessi che 30 km piu' a sud fanno la fila in quel dannato confine di Uzhgorod, hehehe!!”. L'orario in teoria gioca a mio favore, sicuramente ci sara' qualche povero doganiere che non avra' certo voglia di complicare il mio attraversamento con qualche cavillo burocratico e si accontentera' piuttosto di gonfiare leggermente il suo portafoglietto.
E' il mio turno. Con volto meravigliato i doganieri slovacchi mi scrutano e poi si guardano e sorridono. Mostro i documenti, dopo aver udito un “buonasera” in un italiano con marcato accento slavo. Consegno ancora una volta il solito “foglietto”. Il solito copione, gia' visto due volte oggi; il doganiere, che prende il foglietto in mano, lo apre, lo legge bene o fa finta, ma gli riesce bene, lo gira e rigira, alza gli occhi e mi guarda, poi li riabbassa e riguarda il foglietto, poi lo da' in mano al suo collega, poi si guardano in faccia, sorridono, ma forse vorrebbero sghignazzare…Insomma, il risultato lo colgo subito, da come si sviluppa la scena. Il doganiere capo, una personcina di mezz'eta', molto affabile, gentile e disponibile, mi chiede di parcheggiare un secondo l'auto poco oltre. Mi dice subito a chiare lettere che con questo foglietto non ho alcuna speranza di varcare il confine ucraino. “hehehe, la' vogliono entrare in Europa, ma passeranno ancora 50 anni, forse, o forse di piu'! hahaha”, mi dice in un russo, con forte cadenza cecoslovacca, che riconosco per la sua marcata cantilenosita', tipica di questa lingua slava, misto di polacco, ucraino e russo. In questo modo mi rammenta tra le righe che mi trovo in Slovacchia, un nuovo membro dell'Unione Europea, o quasi, ma comunque che per molte cose ormai si uniforma allo standard europeo e, nel mio caso, permette tranquillamente di circolare col foglietto provvisorio…E la sua battuta ironica fa trapelare implicitamente l'orgoglio di essere slovacco e non ucraino, nazionalita' forse da lui considerata come sfigata e povera. E pensare che, fino a poco tempo fa, non c'erano poi grosse differenze socio-economiche tra queste genti e questi Paesi…
Sta di fatto che dialogo parecchio con lui, cerco di spiegargli la situazione, fargli capire quanto sono stanco e gli racconto le mie peripezie. So che sto perdendo tempo; non devo raccontare a lui la storiella, ma devo convincere la parte ucraina a farmi entrare, non quella slovacca a farmi uscire! E poi, nonostante l'affabilita' e la poca considerazione per la nazione ucraina, questo militare pare molto convinto di voler rispettare le regole vigenti in quel Paese, forse piu' per evitare di far correre dei possibili rischi successivi a me, nel mio tragitto in Ucraina con un documento non valido. No sa lui, o forse immagina dai miei racconti, ma insiste sul contrario - da buon militare ottuso -, che la mia esperienza ucraina mi ha gia' piu' volte messo in contatto stretto con la milizia stradale e con situazioni di irregolarita' e che ne sono sempre uscito senza alcuna conseguenza seria, se non con un portafoglio appena appena piu' leggero. Figuriamoci, in un Paese dove molte macchine girano senza targa, l'assicurazione non si capisce se sia obbligatoria o meno, la patente la si puo' comprare a buon mercato, e comunque se circoli senza patente, e vieni beccato, te la cavi al massimo con 5/10 Euro di multa sottobanco al “militsioner” di turno che ti controlla!!
Non so perche', ma continuo a percepire la sensazione che questa volta e' quella buona. Di la', a 50 m. oltre c'e' un ragazzotto in mimetica…Dovro' parlare con lui e convincerlo. Ho gia' i 50 euro in tasca per l'evenienza. E 50, nell'altra tasca, nel caso la prima somma non bastasse! La simpatia nata tra me e questo slovacco, purtroppo, rovina i miei piani di approccio solitario alla dogana ucraina. Questo insiste nel voler venire con me per parlare con il doganiere ucraino, mentre io vorrei andarmene da solo. Sento che se vado con lui, poi questi due si mettono a parlare e alla fine della fiera, quell'altro mi rispedisce indietro. Sento che quest'uomo, pensando di farmi del bene, fara' capire al suo collega di la', che non gli conviene rischiare di farmi passare e di non prendere alcuna tangente, altrimenti sarebbe peggio per lui, in caso mi succedesse qualcosa in territorio ucraino. E cosi' e' che, in un attimo, ci ritroviamo in tre: io, l'amico slovacco e il ragazzino in divisa ucraino…intorno il silenzio, il buio, il gracchiare delle cicale e il vento che soffia leggero. L'ucraino prende in mano il “foglietto”, lo gira e poi senza neanche aprir becco fa un cenno negativo col capo, lo riconsegna al collega slovacco e fa per andarsene. A quel punto intervengo, con un cenno faccio capire allo slovacco che sto per tirare fuori i soldi e lui mi risponde delicatamente, ma in quel momento mi provoca un nervoso inimmaginabile, di lasciar perdere. Allora apro bocca e cerco di spiegare la situazione all'ucraino; cerco di fargli capire che gia' dopodomani (cioe' ormai domani) devo essere a Kiev in ufficio e che non puo' negarmi la possibilita' di passare…Provo a giocare sul piano psicologico, cerco di smuovergli la coscienza e di “vincerlo” nel cuore; cerco di farlo ragionare ed agire come uomo e non come militare…Per l'ennesima volta dalla mia bocca esce il racconto della mia avventura (ovviamente trascuro i “dettagli” dei tentativi andati a vuoto, di varcare il confine nelle dogane precedenti), dei chilometri percorsi da Milano…Nulla da fare. Non cede; non passo!
Sconsolato, deluso profondamente ed irritato per quella pressante e fastidiosa presenza al mio fianco che la mia mente stanca addita come colpevole per il fallimento di questo ultimo tentativo, me ne torno verso la macchina, sempre accompagnato dal doganiere slovacco. Inutili i miei ultimi tentativi esasperati di fargli cambiare idea e di tornare dall'ucraino per farla cambiare anche a lui…Inutile il suo ultimo tentativo di convincermi a lasciare la macchina a Snina (pochi chilometri indietro) per poi prendere il giorno dopo un taxi fino al confine, varcarlo a piedi e da li' prendere un altro taxi fino ad Uzhgorod, e da Uzhgorod in treno o in aereo proseguire per Kiev. E la macchina la sarei venuta a riprendere non appena fosse stato pronto il libretto originale. Tale proposta, seppur conferma di benevolenza e affabilita', mi innervosisce maggiormente e non mi porta ad alcuna risposta nei suoi confronti.
Quando apro il passaporto e vedo il timbro della frontiera slovacca barrato con una croce fatta a biro blu e la scritta chiara “zruschene” (che immagino che in slovacco voglia dire “annullato”), mi trovo gia' oltre la sbarra, seduto in macchina, con qualche lacrima agli occhi.
Guardo l'orologio: 2,15. Mi assalgono i brividi al solo pensiero di dove mi trovo, di dove dovrei essere dopodomani, di dove ero stamattina e di dove ero ieri…Annientato dalla stanchezza non mi rimane altro che stringere i denti ed avviarmi sulla strada del ritorno a Milano.
La stradina gialla che ripercorro a ritroso non mi da' piu' alcuna sensazione. Non ci sono piu' ne' streghe, ne' gnomi e non c'e' piu' alcuno spazio mentale per lo sfogo della fantasia. Solo lo sguardo fisso alla strada con occhi sbarrati e mente assente. In breve giungo a Tibava ed imbocco nuovamente la statale che mi riportera' a Kosice e poi in Ungheria.
Pochi chilometri dopo Tibava una luce fioca sulla destra distoglie il mio automatismo e la mia concentrazione, sento un rumore di portiera di macchina che si chiude, mi volto e vedo che un localino, un piccolo bar, e' ancora aperto e tre macchine sono ferme nell'area antistante. “Beh, a questo punto chi se ne frega” - penso - “vado a veder che aria tira la' dentro e casomai mi bevo un birrozzo”. Quando apro la porticina sento un tepore piacevole, vedo tanti tavolini di legno massiccio tipo osteria, un gruppetto di persone dalle faccette paciarotte seduto poco piu' in la' schiamazza e solleva boccali di birra schiumante…improvvisamente ritorno a percepire sensazioni umane e penso che in effetti mi trovo in Slovacchia, una delle patrie della buona birra e devo assolutamente dissetarmi provandone una. In qualche modo mi rivolgo alla bella camerierina biondina e ordino un bel boccale di birra chiara e fresca, non so quale, ma ne voglio un boccale e di quella chiara. Lei, gentilissima, mi fa sedere e mi dice che in un attimo me l'avrebbe portata. Mi dice anche la somma che devo pagare in corone slovacche, cosa che mi entra da un orecchio e mi esce subito dall'altro…capita a volte, soprattutto quando ci si presenta con persone nuove, al momento di scambio dei nomi, che subito dopo aver sentito il nome della persona alla quale hai stretto la mano, non te lo ricordi piu', rischiando poi di fare delle figuracce. Lo stesso in questo caso, complice la devastante stanchezza, nonostante la cosa mi poteva incuriosire, non capisco neanche quanto debba pagare. Poco male, tanto non ne ho di corone slovacche e penso “sicuramente accettera' gli Euro; in questi Paesi sono tutti voraci di Euro”. Chiedo a lei di tradurmi in Euro quella somma e, al colmo dello stupore, quando mi scrive sul foglietto la cifra di 50 centesimi, cioe' 0,50 di Euro, non trattengo un sorriso di meraviglia…”Non e' possibile” - penso “non puo' costare 50 centesimi di Euro una birra! Si sara' sbagliata; manco in Ucraina costa cosi' poco. Non ho mai trovato una birra cosi' economica in un bar…forse solo in Cina, quando bevevo come una spugna una birra dietro l'altro per le vie di una Pechino con il 95% di umidita' e che costavano forse 10 centesimi circa…”. In tasca non trovo monete, vado in macchina, recupero una monetina da 50 centesimi e gliela porto, e vado a sedermi. Mentre continuo a ridere tra me e me e pensare a questa cosa curiosa mi arriva la birra. Inizio a trangugiarla come acqua…poi mi fermo. Me la devo gustare e devo riposarmi un po'. Bevo e sorrido e dico qualcosa con voce sommessa…parlo da solo, come i matti, categoria umana nella quale mi ci metto in questi frangenti, considerata la situazione generale che sto vivendo.
Con il buon sapore della birra rimasto in bocca, saluto la biondina dal sorriso tenero ed umile e riparto. Uno sguardo di nuovo alla cartina. La strada me la ricordo, almeno fino a Kosice, devo solo ripeterla in senso contrario. Parto. L'unica cosa che ho in testa ora e' quella di rientrare in territorio ungherese e poi cercare di riposare fino a domani mattina, cioe' fino a qualche ora dopo, dato che e' gia' mattina! Tanto ormai non rimane altro che rientrare a Milano e lasciare la macchina in garage, per poi ripartire al piu' presto in aereo per Kiev.
La stanchezza mi toglie ogni consapevolezza della distanza che mi separa da Milano e di quanta strada devo ancora macinare per rivedere la mia casa. Meglio cosi'. Una preoccupazione in meno alla quale far fronte.
Guido, e la nebbia mentale mi avvolge nella sua coltre pesante e mi annienta ogni pensiero. Non sento e non vedo nulla di cio' che attraverso nell'oscurita', compreso il praticamente ormai inesistente confine slovacco-ungherese, attraverso il quale passo senza praticamente neanche fermarmi, al solo cenno di un rallentamento da parte dei doganieri stanchi e svogliati a quest'ora della notte.
Non ce la faccio piu', sono in Ungheria. E sono quasi le 04,00 di mattina. Entro in un autogril, ho solo la forza di parcheggiare la macchina di fianco ad un camion; e' forse l'ultima manovra istintiva volta alla ricerca di un riparo e di una forma di protezione, da chi e da che cosa non si sa; e spengo il motore. Mi addormento, ma poco dopo i brividi mi assalgono e mi risveglio. Da questo momento accendo il motore ed il riscaldamento e cerco di riassopirmi. Non riesco a dormire ed un lento ed interminabile dormiveglia mi accompagna fino allo spuntare del sole…

Fine sesta puntata.

Gringox


zhenja [ 26 Ottobre 2005, 8:45 ]
Oggetto: 
ero a ceske budejovice la settimana scorsa e confermo che il mezzo litro di birra costava 60 centesimi al ristorante, ma i cechi mi hanno detto che loro la comprano direttamente in birreria (intesa come brewery) dove 1 litro costa 8 korone (25 centesimi)

fra le altre cose

menu del giorno 2 euro e mezzo
menu a la carte fra i 3 e i 4 euro

13 euro per la camera e colazione in una pensione di tipo austriaco


gringox [ 26 Ottobre 2005, 10:14 ]
Oggetto: 
[quote:60d57ca506="zhenja"]ero a ceske budejovice la settimana scorsa e confermo che il mezzo litro di birra costava 60 centesimi al ristorante, ma i cechi mi hanno detto che loro la comprano direttamente in birreria (intesa come brewery) dove 1 litro costa 8 korone (25 centesimi)

fra le altre cose

menu del giorno 2 euro e mezzo
menu a la carte fra i 3 e i 4 euro

13 euro per la camera e colazione in una pensione di tipo austriaco[/quote:60d57ca506]


hehehe, gia' stavretto...le repubbliche ceca e slovacca sembrano essere tra le piu' "abbordabili" in termini di prezzi tra le ex repubbliche dell'ex blocco comunista...a differenza per es. dell'Ungheria...

gringox

PS: preparatevi all'ultima puntata della storiella!


gringox [ 01 Novembre 2005, 12:18 ]
Oggetto: 
In breve giungo a Miscolc, sono da poco passate le 7,00 di mattina. Ho riposato in macchina neanche 3 orette, inchiodato, ibernante, in un autogril poco dopo un paese ungherese di cui non ricordo manco il nome, comunque tra Hidasnemeti e Encs, un dormiveglia stressante interminabile…; faccio il pieno e mi proietto sull'autostrada che avevo preso 2 giorni prima, ora in senso opposto, verso Budapest. Frastornato, deluso ed enormemente stanco, coi 1300 km che ancora mi aspettano, non bado a velocita', e come un automa mi posiziono sui 190-200 km/orari per mantenermi concentrato e per vincere la distanza! Di questo viaggio sconsolato di ritorno non v'e' molto da dire, la testa e' annebbiata, le mani rigide sul volante. Vedo a tratti il letto della mia casa e mi ci vedo dentro…La sorte vuole che questo viaggio sia piu' lungo e faticoso del previsto: coda di circa 2 ore al confine ungherese-austriaco, incidente e rallentamento di 2 ore dopo Viennna, diluvio universle verso Klaghenfurt, 9 km di coda alla barriera di Venezia Mestre (ritorno dei bagnanti felici dalla Croazia!!), nubifragio con palline di grandine del diametro di 3 cm da Peschiera a Ponte Oglio con conseguente andatura a passo di lumaca…

Vedo la Gringax e il letto verso le 22.00, dopo aver fatto 15 ore di strada, dal confine slovacco, ma non ho neanche la forza di bofonchiare. Il contachilometri segna: 3329 Km…Giovedi', venerdi' e sabato. Tre giorni di macchina che non dimentichero', attraverso mezza Europa centrale!

Gringox

PS: …e la domenica, 4 settembre 2005, riparto dal buon vecchio aeroporto di Malpensa, ancora una volta in aereo, ancora una volta con la Malev, ancora una volta via Budapest (dove, ironia della sorte, ci ero passato in macchina qualche ora prima…).
Quando all'uscita dall'aeroporto a Kiev sento l'abbraccio del webboss, capisco che finalmente e' finita l'avventura di questi 4 giorni folli che mi hanno non poco messo alla prova, ma che mi hanno dato tanto tempo per vedere, pensare, riflettere e vivere qualcosa di unico ed irripetibile.


Fine.


gringox [ 01 Novembre 2005, 21:23 ]
Oggetto: 
Domenica 30 Ottobre 2005 iol gringox ha inaugurato ufficialmente il primo volo diretto KIev - Milano dell'alitalia. Un grande evento per gli Italiani di Kiev e per tutti gli italiani ed ucraini che si muoveranno dall'Italia verso l'Ucraina e viceversa...

2,25 minuti di volo...fantastico!

Non nascondo di aver provato una certa emozione a salire sull'aereo alitalia a KIev e ad atterrare poi dopo due ore e mezza a malpensa...

"Era ora"...e' cosi' che ho sdalutato il capitano dell'alitalia che ci ha accolto sull'aereo...ERavamo solo in 10 a bordo e ci hanno anche omaggiato con un bellissimo portachiavi dell'Alitalia...oltre ad averci dato precedentemente, al check -in. il "pass" èper accedeer alla VIP sala in attesa di salire a bordo....Un bel volo inaugurale....

Forza Alitalia...

Gringox

PS: ...e domani si rientra a KIev, sempre con alitalia...e col gattaccio che viene ospite al quartier generale del gringox.


Lorenzo [ 02 Novembre 2005, 10:14 ]
Oggetto: 
BUON RIENTRO RAGAZZI!
VORREI ESSERE CON VOI!

C69


gringox [ 02 Novembre 2005, 16:57 ]
Oggetto: 
[quote:7d46d2f007="Cyberg69"]BUON RIENTRO RAGAZZI!
VORREI ESSERE CON VOI!

C69 :-D[/quote:7d46d2f007]


Grazie cibernetico...

Atterrati. In anticipo sulla tabella di marcia, io e il gattaccio alle 15,30 ora locale sbarchiamo a Kiev.
Temperatura: 3 gradi.
Il webboss, con la mitica Fiat uno grigia targata MI ci sta aspettando fuori...
Prima di entrare nel quartier generale del Gringox, sostaimao per una birrettina estemporanea dalla "lurida" del qurtiere, il postaccio chiamato "cafe' Natali'" (ma e' un eufemismo!), sotto la caserma del gringox...
Ed il primo impatto del gattaccio e' di meraviglia e curiosita'...ma sara' lui a raccontarvi.
Ora si sta facendo una doccetta, mentre il sottoscritto e' gia' in ufficio!!

gringox


gringox [ 02 Novembre 2005, 16:59 ]
Oggetto: 
[quote:bcedf1965f="Cyberg69"]BUON RIENTRO RAGAZZI!
VORREI ESSERE CON VOI!

C69 :-D[/quote:bcedf1965f]


Grazie cibernetico...

Atterrati. In anticipo sulla tabella di marcia, io e il gattaccio alle 15,30 ora locale sbarchiamo a Kiev.
Temperatura: 3 gradi.
Il webboss, con la mitica Fiat uno grigia targata MI ci sta aspettando fuori...
Prima di entrare nel quartier generale del Gringox, sostaimao per una birrettina estemporanea dalla "lurida" del qurtiere, il postaccio chiamato "cafe' Natali'" (ma e' un eufemismo!), sotto la caserma del gringox...
Ed il primo impatto del gattaccio e' di meraviglia e curiosita'...ma sara' lui a raccontarvi.
Ora si sta facendo una doccetta, mentre il sottoscritto e' gia' in ufficio!!

gringox


gringox [ 03 Novembre 2005, 14:53 ]
Oggetto: 
[quote:378ebf0ac4="webmaster"]Serata "noiosa" in una discoteca frequentata da un centinaio di giovani bellissime fanciulle, 2 turchi, un sedicenne figlio di qualche Oligarca e noi tre.
Alcune foto le ho inserite nell'album (quelle ose' no)[/quote:378ebf0ac4]


...webboss...non essere timido...racconta anche del proseguo...di come mi hai "salvato la vita" da una possibile agopuntura letale da parte di un medico stile nazi che avrebbe dovuto prelevarmi campioni di sangue per controllare il mio livello alcolico...ma il tuo pronto intervento ha effettivamente riportato la situazione sotto controllo...

Va beh...diciamo che il gattaccio come prima serata ne ha avuti di colpi apoplettici, hehehe....

gringox


ema [ 03 Novembre 2005, 15:46 ]
Oggetto: 
Ma voi due non siete già  sposati??????


gringox [ 12 Novembre 2005, 19:35 ]
Oggetto: 
...Rientrato dall'ennesima missione ad ovest. Questa volta ho raggiunto per la prima volta la citta' di Uzhgorod, sul confine slovacco-ungherese e attaversato i Carpazi in versione autunnale...speventosamente belli!!

Qualche "trancio" di vita vissuta, esperienza di questa missione, ve la forniro' appena mi risistemo un attimo...

Gringox


gattomatto [ 15 Novembre 2005, 14:16 ]
Oggetto: 
[quote:f78b247d1b="gringox"]...Rientrato dall'ennesima missione ad ovest. Questa volta ho raggiunto per la prima volta la citta' di Uzhgorod, sul confine slovacco-ungherese e attaversato i Carpazi in versione autunnale...speventosamente belli!!

Qualche "trancio" di vita vissuta, esperienza di questa missione, ve la forniro' appena mi risistemo un attimo...

Gringox[/quote:f78b247d1b]

...E adesso corri a lavare la macchina  :beer:


gringox [ 15 Gennaio 2006, 23:15 ]
Oggetto: 
Forum,

il gringox e' in ripartenza per Kiev...Arrivederci a meta' settimana...

Fate i bravi.

Gringox


gringox [ 21 Gennaio 2006, 19:13 ]
Oggetto: 
...la gringmobile e' ormai ferma, immobile da 2 giorni...non vuole avviarsi ed e' sempre piu' copeta da uno strato di neve e ghiaccio che si solidifica sempre piu'!!!
Cosi' vengo accolto a Kiev, da un gelo mai visto. Si vive tra i -28 e i -24 e il gelo e' pungente e costringe a stare a casina! Ma anche a casina, ovvero in caserma, le cose non vanno meglio. Non c'entra la Russia o la battaglia del gas...il fatto e' che i caloriferi non riescono a scaldare gli ambienti grandi e il gelo penetra dalle finestre chiuse e traspira dalle pareti...sono costantemente ancorato al mio piccolo termosifone elettrico e cerco di scaldarmi comeposso!

Anche internet qui da me funziona male...

Comunque il viaggio e' andato bene. 4 giorni da Milano, ma fermandomi a Chernovcy e Zhitomir per lavoro. La bufera di neve mi ha accompagnato fino a Kiev e la marcia era lenta ma costante...ora sono qui, in attesa che il gelo allenti la sua cruda morsa e mi ridia lo spazio di movimento che mi ha portato via...

gringox




Powered by Icy Phoenix